******* IL SITO DI STORIA, CULTURA E INFORMAZIONE SUL PAESE DI SAMBRUSON ******* **************** un sito per Sambruson a cura di LUIGI ZAMPIERI ********************

Filastrocche a Sambruson

Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
SAMBRUSON. CULTURA, COSTUME, TRADIZIONI, AMBIENTE. - COSTUME

Propongo questo commento, di getto, spontaneo, di Andrea Zilio, ormai di casa in questo sito, come presentazione alla raccolta di Filastrocche Ambrosiane; ambrosiane perché, non mi vergogno a dirlo, le conoscevo quasi tutte e le ho imparate da bambino a Sambruson.

Grazie ad Andrea e grazie a Bepi Borella che le ha gentilmente messe a disposizione.  L.

 

Caro Luigino,

complimenti per la raccolta che non è solo tale, ma un regale omaggio alle nonne e bisnonne che hanno onorato la nostra civiltà contadina. Senza sapere leggere o scrivere o appena  appena, sapevano inventare, insegnare, tramandare, arricchire storie, leggende, fiabe che hanno incantato e addormentato noi tutti nelle cucine fumose, nelle stalle ancora peggio, eppure erano gli unici locali "riscaldati" che richiamavano i vicini  a filò, a dire il rosario, a raccontare, a rammendare, a inventare strambotti, giocare a "cinquiglio"... a tremare insieme quando arrivava S.Martin, e con lui il timore degli sfratti. C'era sempre qualche debito non pagato al paron. E le filastrocche erano il "gosolesso", aiutavano i piccoli a prendere sonno, gli uomini a brontolare con le donne che sapevano solo quelle cose e non di affari.

Ma era tutta una finta. Con chi poteva prendersela, altrimenti, "un poro can"? I bambini per giocare o per prendere sonno avevano bisogno di sentire e imparare quelle storie. Non c'erano cartoni animati  Questa è una bella pagina, capitale per il nostro paese. Da non dimenticare. Ho letto tutto con emozione di contadino e di maestro. Ciao a tutti

Andrea. Anzi no! Fausto.


FILASTROCCHE AMBROSIANE

Ea befana vien de note       
coe scarpe tute rote            
col vestito da romana          
viva, viva la befana

Piova Piova vien                                
che te vogio tanto ben                       
che te vogio tanto mal                       
piova piova va in Canal


Caregheta d'oro                               
che porta el me tesoro                     
che porta el me bambin                    
caregheta, careghin

Nanna buratta

I spini dea gatta

I ossi pai cani

I fasoi pai furlani

El meio pai osei

A pappa pai putei

Manina bea

Fatta a penea dove sito stà

Daea mama  ? dal papa ?

Cossa te gai dà ?

Pan , vin , latte

Catte… catte… catte…

Boca mia

Boca tua

Boca del can

AAHMMM!!

Va’ el Conte

Coe braghe onte

Col capeo de paia

Conte canaia

Questa zè a storia

dea vacca Vittoria

morta ea vacca

finia ea storia

Questa ze ea storia

Del Sior Intento

Che dura tanto tempo

Che mai se destriga

Vuto che tea conta

O vuto che tea diga ?

Din don campanon                           
7 muneghe sul balcon                        
una che stira                                     
una che ava                                      
una che fa capei de pagia                   
una che speta so mari0                      
una che fassa il pan bogio                  
sensa olio, sensa sal.                        
Sue rive del canal                            
passa do fanti co do cavai bianchi    
passa ea guera!                              
tutti so per tera.

Gira, gira volta                                
Piero se volta                                  
casca na sopa Piero se copa            
casca un sopin                                 
Piero fa un Tomboin                        
casca un sopon                                
Piero fa un Tomboeon
.

Su e zò sesantanove

Case nove da fitar

Daghe a pappa al vecio

Daghea col scuglier

Ambarabà cicì cocò
tre civettee sul comò
che facevano l'amore
con la figlia del dottore
il dottore si ammalò
ambarabà cicì cocò

Nina nana, nina ò
'sto bambino a chi gheo do?
Gheo daremo aea Befana
che seo tègna 'na setìmana,
Gheo dareèmo a l'Omo Nero
che seo tegna un mese intéro,
ghe o daremo a so mama
chea ghe fassa fare nanna

Bati bati le manine che rivarà el papà
co tanti momoni pai bambini boni
co tante caramee pa chi no fà marachee
co tanti ciucetti pa chi me da bacetti

Ea Marianna ea va in campagna

piena de pulzi

come na cagna,

col forcone a volta ea spagna

col marteo ea bate e nose

coea tanaia ea brinca e tose

More ea piegora

more l’agneo

more el musso

e anca el porseo

more ea zente

piena de guai

ma i rompibae

no more mai

Ea banca salta

Ea porta va torno

I oseeti se ga peà el cuetto

El caro va in campi senza bò

Ea parona ga butà via e tece

El paron ga sparà col canon

Bin !! Bon !!!

Togo ea scaea pa ndare in paradiso

pa vedare chel bel viso

el bel viso iera morto

e nessun se ga incorto

i angei cantava

ea Madonna sospirava

O che bel preghieron.

 

Din don campanontre putele sul balcon.
Una fila, l’altra naspa
una fa i rafioi de pasta.
Una prega sior Iddio
che ghe mandi un bon marìo,
che ‘l sia bel, che ‘l sia bon
e che no ‘l sia imbriagon!

 

Din dan don e canpane de Sanbruson
e sonava dì e note
e butava zò e porte
ma e porte iera de féro
volta ea carta ghe xé un caliéro
un calièro pien de piova
volta ea carta ghe xe na rosa
ea rosa sa da bon
volta ea carta ghe xe un meon
ma el meon xe massa fato
volta ea carta ghe xe un mato
un mato da ligare
volta ea carta ghe xe un mare
un mare de marina
volta ea carta ghe xé na gaina
ea gaina fa cocodè
volta ea carta ghe xé un re
un re e un rearo
volta ea carta ghe xé un peraro
un peraro che fa i fighi
volta ea carta ghe xé i strighi
I strighi che fa miao
volta ea carta ghe xé el babao
un babao col bèco rosso
volta ea carta ghe xé un posso
un posso pien de aqua
volta ea carta ghe xe na gata
e ea gata coi gatèi
volta la carta ghe zè i putèi
e i putéi fa ostaria
volta ea carta che ea xe finia.

 

Era un giorno di notte

le mucche saltellavano di ramo in ramo,

gli uccellini brucavano l’erba fresca del prato.

Io ero seduto in un sasso di legno

che leggevo un libro

al chiaror di un lumicino spento.

Vidi un cadavere vivente

presi un coltello senza lama e senza manico

E glielo scagliai contro.

Lui mi disse “ Vile tu uccidi un uomo morto ”

alla mattina mi svegliai e mi trovai morto.

In mezo al mar

ghe zè un camin che fuma

el zè el me ben che se consuma

el se consuma a poco a poco

come ea legna che se spegne al fuoco.

Carissimo mio adorato

te vuria vedare in leto ammalato

e par tua sventura la sepoltura.

Uva nera uva bianca

Nella vigna oggi non manca

Per vendemmia ai contadini

Per riempire i grossi tini.

A Lisetta vien donato

Un bel grappolo dorato

Tutta allegta corre via

Per portarlo alla Maria.

La mia cara sorellina

Sola in casa poverina

È rimasta ad aspettare

Mezzo a lei ne voglio dare

Ma la strada è lunga e faticosa

E Lisetta si riposa

Oh quest’uva com’è buona

pensa intanto la ghiottona.

Un chicco ne assaggiò

Come è dolce ella esclamò

Posso prenderne due o tre

Tanto mezza spetta a me.

Ma più avanza nel cammino

Piu il grappolo era piccino

Quando a casa fu arrivata

tutta l’uva ebbe mangiata.

 

Una sera, una sera di notte
due gobbetti si davan le botte
do gobbetti si davan le botte
se sté zitti ve digo el parché.

Do gobbetti de media statura
se parlavan di cose amorose
e i gaveva na matta paura
che i passanti li stesse a sentir.

Uno iera el famoso Matia
l’altro iera el fabbrica inciostro
che embriago de grapa e de mosto
insultava l’amico fedel.

Uno g’ha dito: “Va là ti sé gobo !”
l’altro el g’ha dà ‘na pronta risposta:
“Se mi son gobo, ti no te si drito:
drio ea schina te ghe un montesel”.

I se ga dito parole de ciodi
il se ga dà careghe sul muso
e i sé nda a finire in quel buso
dove se beve un bicer de chel bon

La notte di Natale

è nato un bel bambino

Bianco, rosso e tutto ricciolino,

Maria lavava,

Giuseppe stendeva

e il bimbo piangeva

dal freddo che aveva.

Stai zitto, figlio mio

che adesso ti piglio io;

pane non ho

ma latte ti do.

La neve sui monti

cadeva dal cielo

e Maria col suo velo

copriva Gesu’.

La bella lavanderina

che lava i fazzoletti

per i poveretti della città.

Fai un salto

fanne un altro

fai l’inchino

levati il cappellino

fai la giravolta

guarda in su

guarda in giu’

dai un bacio a chi vuoi tu

Mezzo giorno

ea poenta va torno

i omani ia magna

e femene ea sparagna

Poenta e osei

se magna coi dei

carne e pan

se magna coe man

Mezzo giorno

el pan zè in forno

se el zè cotto

damene un tocco

se el zè cruo

asseo là

mezzo giorno

el zè sonà

 

Nevicava e fischiava forte il vento

dice un vecchierello macilento

sul cantro di una strada ad un bambino

Chiuso nel suo pesante pastranino

Ho freddo! ho fame! padroncino mio.

Un soldo, un soldo per l’amor di Dio !

Il bimbo affrettò lesto il passo

mormorando aspetta vecchio mio

ho fretta oggi non posso .

Il vecchio abbassò mesto gli occhi

mentre piegarsi sentì i ginocchi .

Il giorno dopo il bimbo ripassò per la via,

ma il vecchio invan cercò

gli dissero che era morto poverino

di fame e di freddo,

Il cuor sentì il bambino sbigliarsi dal rimorso

ah cattivo perché non l’ho soccorso !

perché non l’ho salvato !

quel povero vecchio abbandonato !

Saeudi e basi

paga ea multa e tasi

se vuoi sapere chi sono io

cavete e scarpe e corame drio

Siora Maria

coa pansa descusia

coe tette de veudo

Maria te saeudo

Salto biralto

me rompo el naso

me rompo el viso

salto in paradiso

Risi bisi bisato

carne de “ vaca to mare ”

Te ne gaea mai fato magnare?

Gheto fame? magna curame

Gheto sen?  Bevi fen

Gheto sono?

Dormi soe braghesse de to nono

San Giuseppe veciareo

Cossa gheto su chel cesteo

go na fassa e un panezeo

pa infassare Gesu’ beo

Pa infassare Gesu’ d’amore

Pa infassare Gesu’ Signore

Benedetti chei bei penini

Che va su par chei scaini

La mamma i ga fati

El papà i ga creai

Pa essare adorai

 

La notte di Natale

è nato un bel bambino

Bianco, rosso e tutto ricciolino,

Maria lavava,

Giuseppe stendeva

e il bimbo piangeva

dal freddo che aveva.

Stai zitto, figlio mio

che adesso ti piglio io;

pane non ho

ma latte ti do.

La neve sui monti

cadeva dal cielo

e Maria col suo velo

copriva Gesu’.

Santa Rosa fammi sposa

Santa Agnese entro un mese

San Bastian anca doman

Omne Santi e Santi Dei

magari un vedovo pien de schei

Furlan

magnemo el to pan

no go mia fam

magnemo del mio

magnemoeo pur con Dio

Tu tu musetta

ea mama zè nda messa

coe tettine piene

pa darghee ae putee

e putee no e voe

ea mama ghee toe

el papa e scueassa

in mezo ea piassa

piassa piassetta

salta zò daea careghetta

 

Non ghe zè sabo senza soe

no ghe zè cuore senza amore

no ghe zè prato senza erba

no ghe zè camisa de veccia

senza m…a !

Stella stellina
la notte si avvicina:
la fiamma traballa,
la mucca è nella stalla.
La mucca e il vitello,
la pecora e l'agnello,
la chioccia coi pulcini,
la mamma coi bambini.
Ognuno ha la sua mamma
e tutti fan la nanna.

Era un giorno di notte.
Mentre la luna con i suoi raggi infuocati riscaldava la terra
e il sole cadeva a larghe falde,
io solo, insieme ad altri tre,
me ne andai per una strada lunga, larga, corta e stretta.
Entrai in un campo di meli, pieno di pere,
prendendo una patata da un albero.
Vidi, poi, seduto in piedi
sopra un sasso di legno,
un cadavere vivente
che leggeva un giornale senza scritto
al chiarore di un lumicino spento.
Allora tirai fuori il mio coltello senza manico,
che gli mancava soltanto la lama,
glielo conficcai nel cuore e gli dissi:
"Muori scellerato che hai mangiato lo zucchero salato!"

Chi voe vedare bee pute

Vaga aea sagra dea saute

I se compra ea tortona

Tanto bea tanto bona

Ea ze fata de farina

Zaea zaea soprafina

In mezo a gà i pignoi

Grandi e grossi fa i fasioi

Ea ga anca un dolsin

Che fa bevare un goto de vin

Se par caso ea ve fa mae

Ea ghe xe anca eospeae

E e tose dae gambarare

E vien al Dolo par baeare

E e tose da Pagueo

E vien al Dolo pa far bordeo

Ghe ze anca Levorato

Che ride e ciassa come mato

A vedare ste bee putee

Che se svoda e buee

El ride el ciassa el fa cucagna

Parchè e ghe ingrassa a campagna.

 


a cura di Luigi Zampieri

Ultimo aggiornamento (Giovedì 12 Gennaio 2017 09:27)

 

Le sezioni del sito

GLI ARTICOLI PIU' RECENTI
visitatori Online
 15 visitatori online
notizie flash
Informazioni e aggiornamenti
NUMERO COMPLESSIVO DI VISITE NEL SITO

178104

a Ottobre 2017

**********************

ARTICOLI RECENTEMENTE MODIFICATI O INCREMENTATI

***************

ULTIMI 8 ARTICOLI PUBBLICATI

*******************

ALCUNI ARGOMENTI  E ARTICOLI CHE SARANNO PROSSIMAMENTE PROPOSTI

  • La Festa della Primavera
  • La cucina, una volta, adesso, a Sambruson
  • Associazione Culturale Sambruson la nostra Storia
  • Arti e mestieri a Sambruson
  • Ninna-nanne a Sambruson

Per la sezione : DAL MEDIO EVO ALL'800

  • Sambruson tra Padova e Venezia
  • La questione dei fiumi, il porto, il ponte

Per la sezione : IL PERIODO STORICO RECENTE

  • Sambruson dal mondo contadino a quello industriale

********************