******* IL SITO DI STORIA, CULTURA E INFORMAZIONE SUL PAESE DI SAMBRUSON ******* **************** un sito per Sambruson a cura di LUIGI ZAMPIERI ********************

Associazione Trovemose

Valutazione attuale: / 11
ScarsoOttimo 
IL PERIODO STORICO RECENTE - REALTA' ATTUALI O RECENTI

CIRCOLO RICREATIVO CULTURALE SOCIALE

TROVEMOSE

La nostra storia è andata così.

Da: “TROVEMOSE AL MUSEO”  edito 31 maggio 2009

di Andrea Zilio

 

Nell’autunno 1997, Carlo Masato mi convince a fare una cosa che mai avevo fatto, e mai più feci in seguito. Fare delle cure respiratorie alle Terme Euganee.

Strada facendo si lamenta perché Sambruson è un paese che non si muove…. “se almeno stavi qua…”

 

Carlo è una brava persona, un grande amico, ma un brontolone fisso. La vince! Mi convince.

«Trovemose!»

Esco con questa esclamazione impulsiva…mi scatta tutto un programma.

Scatta  in me la voglia di riunire i tosi e le tose di una volta, di incontrarci in associazione, di fare qualcosa insieme.

Ma in un Circolo, dove la gente circola, si muove, si interessa, fa qualcosa. Non Centro dove sei arrivato, vivacchi, dormi e basta.

Scattano la molla, il desiderio, la grinta, il progetto.

Il nome c’è già: Troviamoci.

Grazie ai brontolii amichevoli di Carlo Masato nasce il Trovemose e parte la caccia ai “reperti archeologici” che nessuno sa dove siano.

Cerco di ottenere qualcosa da proporre in assemblea. Cerco in municipio di ottenere uno spazio per la nostra associazione. Lotta burocraticamente dura! Non ancora cessata, anche se siamo fuori dalle intemperie. Parlo con gli assessori che hanno l’atteggiamento del vorrei ma non posso.

In realtà c’è un’aula vuota nell’edificio minore delle scuole elementari “Daniele Manin”, è assegnata agli stradini per cambiarsi a fine giornata di lavoro. E’ una conquista sindacale.

Guai a chi la tocca!

Chiedo: quanti stradini ci sono?

Beh,  per ora nessuno!

E per il futuro?

Beh è un mestiere in  disuso.

E’ una stanza vuota, perfettamente riscaldata ….  con nessuno dentro!

Ma nessuno poteva toccarla: ordine dei sindacati.

Passiamo nell’aula vicina. E’ inverno, fuori fa freddo, ma dentro all’aula è caldo, molto caldo.

Che cosa contiene l’aula? Cartoni della Croce Rossa, altro materiale inerte, i tabelloni di ferro e di legno per la mostra della satira della associazione folkloristica “La Lanterna”.

Torno in Comune, parlo con il vicesindaco Adriano Spolaore.

Si mostra  disponibile.

«Mettiti d’accordo con le associazioni già ospitate. Non vedo, non sento, non parlo.» Pressappoco!

Torniamo dai dirigenti della Croce Rossa che, gentilmente e generosamente, tramite Giannino Segato, allora dirigente, liberano la loro mezza aula. Pagano un affitto.

Andiamo a parlare al consiglio direttivo della “Lanterna”.

Rinaldo Zabeo è possibilista, sorride, fa capire che si combina.

Concordiamo che per ora usiamo la stanza di sbieco: noi e loro. In maggio, con la mostra della satira, li aiutiamo a sgomberare e poi… e poi…

E poi si riesce a trovare ospitalità per loro presso la Protezione civile.

Entriamo in mezza stanza, la attuale (2009) Da abusivi. E’ poco, quasi niente. Ma è l’inizio. Arriverà in seguito, a cose fatte, il consenso di entrare da parte della Amministrazione comunale. Un po’ stretti, siamo ancora là. Siamo quasi duecento tra soci, familiari e simpatizzanti.

Vorremmo essere trattati come tutti gli anziani degli altri paesi.

Ci passiamo parola e il giorno 17 febbraio 1998 ci autoconvochiamo in  assemblea presso l’aula maggiore della Croce Rossa. Sono presenti circa cinquanta persone. Sono presenti gli assessori Emilio Zen alla Cultura e Giuseppe Donà ai Servizi Sociali.

Propongo un programma, inizia la vita del Trovemose. Questo è il primo consiglio direttivo: Andrea Zilio presidente, Mirko Cerato vicepresidente, Carlo Masato segretario, Domenico Salviato, Giannino Segato.

Una persona decisiva per la riscoperta del Museo è, come già riferito, l’assessore Emilio Zen, maestro elementare di Venezia, trapiantato a Dolo.

In uno dei consueti incontri in biblioteca, era uscito con questa espressione, dopo che avevamo vigilato, per tutta l’estate, presso l’ex-macello, la mostra di Augusto Murer:

“Ormai fate di tutto, vi manca solo un museo archeologico!”

Alto là! gli grido. C’è!

E dov’è?

Non lo so. Però, intanto, un grande obiettivo, ignorato fino un attimo prima, è scattato.

Gli spiego brevemente delle scoperte nelle campagne Velluti circa 50 anni prima.

Ci mettiamo in “caccia” e, dopo telefonate, incontri, verifiche, battute a vuoto, delusioni, scopriamo che i resti di molte scoperte archeologiche giacciono confusamente nei magazzini del comune di Venezia alla Bissuola in via E. Carlo Pertini.

Là in mezzo ci sono anche quelli del Vanuzzo.

Bisogna andare a vedere.

ll primo ottobre 1998 ricevo in dono personale dalla famiglia della mia ex-scolara, ora farmacista, Elisabetta Danieli, la documentazione originale rimasta in famiglia dopo la morte dello zio e la vendita della sua casa in via Vittorio Veneto 63 a Dolo.

Inizia un lavoro febbrile e intenso che mi vede impegnato su tre fronti:

- riordinare, collegare e decifrare i documenti ricevuti

- consultare una persona esperta che possa valutare il valore dei documenti

- contattare gli uffici giusti per visitare, verificare i reperti e, possibilmente, riportarli a casa.

Per la verifica degli atti consulto la dottoressa Lucia Majer,  mia vicina di casa, archeologa.

Il suo interesse è altissimo, sia per i documenti riguardanti il museo, sia per le liriche che leggiamo insieme. A lei si unisce la collega Laura Simbula che opera presso il Museo di Montebelluna.

In biblioteca incontro la studentessa universitaria Monica Zampieri, di Sambruson, la invito ad unirsi a noi.

Tramite l’assessore Emilio Zen, arriviamo alla dott.ssa Giovanna Luisa Ravagnan della Sopraintendenza ai Beni Archeologici del Veneto con sede a Padova in via Aquileia 7.

Il 4 novembre 1998 andiamo a Padova, esibisco alla Ravagnan i documenti ricevuti dalla famiglia Danieli-Vanuzzo.

La sua sorpresa e la sua soddisfazione sono grandi, perché tra i documenti esibiti ci sono i cataloghi dei reperti. Fanno testo.

I reperti indicati, salvatasi dai vari traslochi, saranno consegnati al Trovemose, e quindi al comune di Dolo che li custodirà in  stanza blindata. Un passo indietro.

….  il professor Urbani De Gheltof, un appassionato d’arte, aveva convinto Vanuzzo a consegnargli i suoi reperti per realizzare a Mestre, Torre Belfredo, un solo Museo che raccogliesse i vari reperti raccolti nella gronda lagunare.

Vanuzzo aveva aderito. Ma poi, vedendo che il De Gheltof agiva come se la raccolta fosse totalmente frutto delle sue ricerche, estromettendo gli altri ricercatori, si era ribellato e aveva preteso la restituzione. Cosa mai avvenuta e che molto lo aveva amareggiato.

Morì senza vedere il suo sogno realizzato.

Fu questa un’altra sconfitta immeritata che rattristò molto il personaggio, già per suo conto cupo e solitario. Nessuno, pur potendo, lo aiutò.

Il 5 novembre 1998, Emilio, Lucia ed io siamo a Treviso per un’interessante intervista televisiva ad Antenna Tre, parliamo del Museo e dei nostri tentativi di riaverlo.

Cresce l’interesse nel Trovemose per questa storia.

Facciamo un incontro con alcuni dei “ragazzi” che hanno scavato assieme a Vanuzzo e apprendiamo molte cose interessanti. Sono testimonianze di prima mano (Segato, Pauletto, Boran, Marcato), ignote agli esperti, tutte informazioni che si aggiungono alle carte.

Il giorno 21 gennaio  1999, presenti la dott.ssa Ravagnan e la dott.ssa Fiorella, gli assessori Lazzari e Zen, Luigino Fattoretto, Segato, Masato, Lucia e Monica e alcuni soci, mettiamo gli occhi sul museo ritrovato. Laura non può lasciare l’insegnamento.

Nei magazzini del Centro Civico del Comune di Venezia in viale E. Carlo Pertini, rivedo i reperti più significativi, le anfore e i telai che avevo visto, ragazzino, nel magazzino al Ponte.

E’ una grande commozione, una grande soddisfazione per tutti coloro che ci hanno creduto.

Le nostre amiche esperte lavoreranno al freddo, con l’assistenza a turno di qualcuno del Trovemose (in particolare Franco Monetti) per ripulire i pezzi sepolti da croste di decenni di abbandono e incuria. E per far loro compagnia. Il luogo è sottoterra, lontano da suoni, rumori, persone.

Le archeologhe Lucia e Laura, e la studentessa Monica, con impegno costante, fatica e competenza, hanno individuato, lavato, ripulito dalle muffe, dalle fastidiose polveri e dalle incrostazioni, pezzo per pezzo, tutti i reperti ora esposti a Sambruson.

Di loro tre ci ricorderemo sempre.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Questo è l’ art. 3  tratto dal nostro Statuto sociale.

Art. 3  Scopi

L’associazione si propone:

a)      di riunire e organizzare le persone che, terminato in età ancora giovanile il lavoro e/o prive di altri interessi, vogliono abbattere e combattere il muro della solitudine e del disagio dovuti all’improvviso cambiamento dei ritmi di vita, riscoprendo l’amicizia, la gioia dello stare insieme attraverso iniziative di svago, di informazione, di formazione, di solidarietà con chi si trova in difficoltà;

b)     di offrire la propria collaborazione gratuita e volontaria alla pubblica amministrazione, in particolare al comune di Dolo che ci ospita, ma anche alla comunità parrocchiale e alle scuole nella proposta e nella realizzazione di manifestazioni, mostre, iniziative culturali, ricreative, sociali a favore della cittadinanza;

c)      di aiutare i soci portatori di handicap nella partecipazione alla vita sociale;

d)  di collaborare nella gestione e cura del Museo archeologico “Lino Vanuzzo”.

Nota aggiuntiva:

Ho detto che il primo ottobre 1998 vedo e leggo, per la prima volta, i documenti, pronti alla discarica, di Lino Vanuzzo.  Ed è così!

Di questo argomento ne avevo sentito parlare innumerevoli volte per trent’anni. Varie persone, mi avevano contattato, stuzzicato. Con noiosa ripetizione. Con pacchi in mano di “cartacce”.

Li ascoltavo per creanza, ma mai avevo mostrato alcun interesse e lo dicevo. Erano anni in cui avevo problemi di famiglia, di casa, di impegno civico… che mi prendevano molto tempo.  Avevo tenuto il problema “reperti” in fastidiosa lontananza. Interesse? Zero! Di fatto non sapevo cosa contenessero quei polverosi  fascicoli.

Il mio interesse improvviso per le, chiamiamole “cartacce”, perché tali erano, cominciò quando capii che il recupero, un museo, i turni di vigilanza (che già ci impegnavano in altre iniziative culturali all’ex-macello)… potevano essere un motivo di orgoglio, di coagulo, di interesse a stare insieme, di impegno sociale-culturale per i contadini e gli operai, vecchi amici che potevano venire al circolo Trovemose,  non solo per giocare a briscola o a tombola, ma anche per fare qualcosa di distinto, di importante iniziativa belle e utili per il paese…. Così fu. Tuttora è così.

E’ sempre stata mia consuetudine “inventare” cose  nuove, indicare la strada e lasciare che altri proseguano, senza gelosie e senza rimpianti. Solo così eventi, grandi o piccoli che siano, procedono, durano, altrimenti muoiono con te, perché resti solo.

 


 

IL GRANDE RITORNO

La  mattina del giorno 23 febbraio 2001, il giorno successivo a quello inizialmente previsto, ci siamo recati in rione Pertini a Mestre al Centro Civico del Comune di Venezia, alla presenza della dottoressa Ravagnan per la Sopraintendenza ai beni archeologici per il Veneto, della dott.ssa Fiorella per il comune di Venezia, dell’assessore Gianni Lazzari per il Comune di Dolo, con l’assistenza  di Lucia Majer, Laura Isabella Simbula e Monica Zampieri….. carichiamo i reperti archeologici di Sambruson  su due camioncini: uno del comune di Dolo e uno di proprietà di Alfredo Marcato, nostro amico. Fa da staffetta il vigile Gianni Polo.

Sono presenti in veste da lavoro:

Andrea Zilio, Mirko Cerato, Carlo Masato, Alessio Masato, Paolo Semenzato, Franco Zara, Franco Monetti, Oscar Giacomazzo. E, aggiungo, Franco Marchiori.

Zen non può lasciare l’insegnamento, ma è “presente” più che mai!

Arrivano i complimenti del sindaco Claudio Bertolin.

E’ una grande vittoria!

Riceviamo i complimenti della signora Carmen Vanuzzo in pubblica assemblea nell’aula grande della Croce Rossa che ci ospita.

Ormai le foto, le relazioni di Vanuzzo, dopo 60 anni,  sono  patrimonio conosciuto, usato, diffuso e universale, e non frutto di lavoro personale di chicchessia. Noi le abbiamo ampiamente più volte diffuse e pubblicate. Tutti possono usarle, senza copyright.  Sarebbe risibile altrimenti.

Unica grande tristezza!

Il Trovemose registra con dolore la immatura scomparsa della dottoressa Giovanna Luisa Ravagnan, colpita da un male incurabile, avvenuta il 7 giugno 2002.

Era già malata quando ci accolse festosa e quando venne in visita al Trovemose a Sambruson il 5 aprile 2000, per verificare l’idoneità del locale destinato a museo, messo a disposizione dal Comune..

Grazie.

=========================

E allora perché siamo così affezionati al museo?

Perché, per noi anziani del Circolo “Trovemose”, i reperti non sono un fine di ricerca storica.

Appena quel che basta.

Sono un mezzo, un’occasione, una forza, uno stimolo, un motivo che ci unifica. Perché li abbiamo visti uscire dagli scavi con i nostri occhi; qualcuno di noi, ora defunto, li ha tirati su dal fango a fianco di Lino Vanuzzo, li abbiamo visti esposti in un improvvisato museo sotto la rampa al Ponte nel laboratorio di un artigiano bottaio.

Li abbiamo trovati noi, sissignori! Contro l’ironia, l’ignoranza, l’ignavia dei potenti, che non credevano neppure alla loro scienza. Li abbiamo trovati in un momento casuale, magico, di grande forza e fiducia reciproca tra alcuni anziani e alcuni illuminati amministratori pubblici del Comune di Dolo

Il Museo? L’Antiquarium adesso lo studieremo un po’, lo conosceremo meglio.

Per noi del “Trovemose” è un mezzo che viene in nostro soccorso, per riunirci, per interessarci, per farci appassionare e faticare, per farci fare qualcosa di utile, di importante, di lusinghiero servizio alla comunità. In un momento delicato. Avvertiamo che la vecchiaia incombe.

E’ piccola cosa? Lo sappiamo. Lasciateci godere ancora un po’!

Lasciateci in pace!

Lasciateci vigilare, gratuitamente, le stanze dove sono raccolti  i tronchi preistorici, a tenere in ordine i locali di servizio delle scolaresche che vengono per i laboratori didattici. In quelle due stanze ci sono molti  ricordi della nostra infanzia, della nostra  giovinezza. Ma anche mobilia di fortuna fornita gratuitamente da nostri soci per raccogliere i reperti.

Sono la ragione che ci spinge fuori di casa, ultrasessantenni, anche nei giorni di gelo, per incontrarci al Trovemose, al museo per compiere un volontariato spontaneo utile alla nostra comunità, per compiere un gesto di salute morale nei nostri reciproci confronti.

Questo è il Museo Vanuzzo, ora Antiquarium.

Gli esperti affermano che i tronchi si riferiscono all’età dei terramaricoli.

Si tratta di popolazioni scomparse intorno al 1200 avanti Cristo.

Gli esperti dicono pure che in queste ricostruzioni soccorre molto l’inventiva.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Opinione strettamente personale, e quindi aperta

Perché?

Perché le radici … e la loro madre pianta sono una cosa sola. Hanno un filo di continuità.

Perché manca un punto chiaro di partenza e, soprattutto, di collegamento. Migliaia di anni fa Sambruson non esisteva.

Perché le acque del Medoacus, cioè del Brenta, in questa area scendevano in laguna con tanti rivoli… come i denti di un grande pettine, con molti rami, modificavano e sconvolgevano continuamente il territorio, i riferimenti. Non esistevano confini.

Perché nessuna famiglia è sempre stata qui. Tutti veniamo da altrove.

In questi luoghi sono passati barbari, invasori e popoli di tutti i tipi: Euganei, Protoveneti, Etruschi, Troiani, Greci, Romani, Ostrogoti, Visigoti, Eruli, Unni, Vandali, Cimbri, Celti, Slavi, Indoeuropei, Austroungarici, Francesi, Spagnoli, Tedeschi, Americani e truppe alleate (neozelandesi, indiani, sudafricani)…ed ora Nordafricani, Cinesi, Moldavi, Ucraini, Albanesi, Filippini… Tutti hanno lasciato, o lasciano, traccia. E non sempre gradita.

I nostri antenati è più facile immaginarli in una miscellanea indefinibile di popoli.

La parola “radici”, con queste premesse, ha significati tutti da scoprire.


PRESIDENTI DEL CIRCOLO TROVEMOSE

Andrea Zilio

Severino Artusi

Giannino Segato

Gianni Lazzari (in carica)

Vice-presidente, fin dall’origine: Mirko Cerato

=====================

Il documento originale dello STATUTO di TROVEMOSE

 

 

 

 Il documento 

dello STATUTO di TROVEMOSE

Modificato il 15 novembre 2009 – Registrato il  20 novembre 2009

 

STATUTO 

 del

CIRCOLO RICREATIVO CULTURALE SOCIALE 

“TROVEMOSE” 

Via Brusaura 16 – 30031 SAMBRUSON di DOLO-Ve 

 

Reg. R./PS-VE n. 111 cell. 3337748219     p.Iva-CF : 9008640271

Prima convocazione informale il 17 febbraio 1998

Scrittura privata del 26 maggio 1998

Approvato il 27 agosto 1999 e registrato all’Ufficio del Registro di Mestre il 31 agosto 1999

Modificato il 26 febbraio 2006   

VERBALE

ASSEMBLEA STRAORDINARIA del 15.11.2009

 

Il giorno domenica quindici novembre duemilanove, alle ore quindici, si sono riuniti, debitamente convocati, in assemblea straordinaria, presso la sede sociale in via Brusaura 14 a Sambruson di Dolo, i soci del Circolo Ricreativo, Culturale, Sociale “Trovemose” per trattare e deliberare sul seguente Ordine del Giorno:

1)    Modifiche e approvazione nuovo Statuto Sociale.

2)    Varie.

Sono presenti 118 soci effettivi più 17 deleghe (totale 135) su 173 iscritti.

E’ presente il consiglio direttivo del Trovemose al completo.

E’ presente Gianni Lazzari, socio e assessore ai Servizi Sociali del Comune di Dolo, il quale porge il saluto suo e del sindaco Antonio Gaspari.

Il presidente del Circolo, Severino Artusi, assume anche la presidenza dell’assemblea, con il consenso dei presenti, e, constatata la validità e la regolarità della assemblea stessa, chiama Andrea Zilio, che accetta, a fungere da segretario. Chiama i sigg. soci Lazzari Sergio, Organo Dino, La Femmina Bianca, che accettano, a formare il seggio elettorale per il controllo dei voti. L’assemblea approva.

Il presidente apre i lavori comunicando le ragioni della convocazione. Egli informa che la Regione Veneto, con circolare n. 391024 del 16.07.2009, ha chiesto, per la conferma dell’iscrizione al “Registro Regionale delle Associazioni di Promozione Sociale” (L.R. 13.09.2001 n. 27. art. 43), una definizione in tal senso esplicitata nello Statuto; indica inoltre uno Statuto tipo che deve essere uniforme per tutte le associazioni consimili. A questo provvediamo oggi.

Il consiglio direttivo, in precedenza, si era riunito, aveva discusso, si era informato, aveva confrontato il nostro Statuto con le proposte di modifica suggerite appunto dalla Regione, aveva verificato presso altre associazioni consorelle, aderenti all’ANC&SCAO e aveva, di conseguenza, stilato un nuovo Statuto comprendente sia le radici fondamentali della nostra prima costituzione sia le modifiche suggerite dalla Regione.

Il documento statutario è stato quindi discusso in Regione con la d.ssa Monica Bernardello, dal presidente Artusi e da Carlo Masato, e considerato regolare e conforme alle richieste fatteci.

Il presidente invita pertanto il segretario, in qualità di estensore, a leggere e a spiegare la prima parte tecnica dello Statuto.  Zilio legge e spiega.

Il presidente legge la seconda parte dello Statuto e spiega.

L’assemblea ascolta attenta. In brevi interventi successivi viene espressa l’accettazione delle modifiche.

Esaurita la discussione il presidente dell’assemblea mette ai voti la approvazione del nuovo modificato Statuto Sociale così come è stato letto.

I soci presenti, per alzata di mano, approvano all’unanimità il nuovo Statuto con le modifiche di cui si è discusso. Voti contrari nessuno. Astenuti nessuno. Gli scrutatori confermano.

Il nuovo Statuto Sociale viene allegato sub “A”.

Di seguito il presidente comunica che il Comune di Dolo ci chiede di partecipare alla realizzazione delle seguenti manifestazioni comunali: Madonna della Salute del 21 novembre p.v., vigilanza alla Mostra di Augusto Murer e figlio all’ex-macello, per 34 ore, da metà dicembre a metà gennaio,  turni di sabato e di domenica, secondo il calendario ci sarà presentato.

L’assemblea, memore di precedente analoga positiva esperienza, approva.

Il segretario Zilio informa che l’11 settembre 2010 ricorrerà il 40° anniversario dell’evento del “tornado” a Sambruson. Il Circolo sta già studiando come ricordare l’evento con mostra e altre forme da discutere e invita fin da ora a cercare in casa foto, lettere, delibere ecc. L’idea è stata suggerita dall’ultimo associato, ad honorem, Orlando Minchio, sindaco di allora. L’assemblea approva.

Esaurito l’Ordine del Giorno, il presidente dichiara chiusi i lavori alle ore sedici e trenta.

I soci si intrattengono in sede per una festosa “castagnata” sulla brace, con marroni abbrustoliti al momento in cortile.

         Letto, confermato e sottoscritto.

    Il presidente  ...........................                    Il segretario............................

(Severino Artusi)                                                (Andrea Zilio)

Il seggio elettorale

      Lazzari Sergio           …………………………………

      Organo Dino              …………………………………

      La Femmina Bianca     …………………………………

 

STATUTO 

Art. 1  (Denominazione e sede)

E’ costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l’associazione di promozione sociale denominata Circolo ricreativo, culturale, sociale “TROVEMOSE”, per brevità Circolo “Trovemose”, con sede a (cap 30031) Sambruson di Dolo (Ve) in via Brusaura 16.

L’associazione è disciplinata dal presente Statuto ed è aderente all’A.N.C. e S.C.A.O.

Art. 2  (Finalità)

1. L’associazione è apartitica, non ha scopo di lucro e svolge attività di promozione e utilità sociale.

2. I proventi delle attività non possono, in nessun caso, essere divisi tra gli associati, anche in forma indiretta.

3. Le finalità che si propone sono in particolare:

a)     riunire e organizzare le persone che, terminato in età ancora giovanile il lavoro e/o prive di altri interessi, vogliono abbattere e combattere il muro della solitudine e del disagio dovuti al cambiamento dei ritmi di vita, riscoprendo l’amicizia, la gioia dello stare insieme attraverso iniziative di svago, di informazione, di formazione, di solidarietà con chi si trova in difficoltà;

b)    offrire la propria collaborazione gratuita e volontaria alla pubblica amministrazione, in particolare al comune di Dolo, ma anche alla comunità parrocchiale e alle scuole nella proposta e nella realizzazione di manifestazioni, mostre, iniziative culturali, ricreative, sociali a favore della cittadinanza;

c)     di collaborare nella gestione e cura del Museo archeologico “Lino Vanuzzo”-Antiquarium. 

 Art. 3  (Soci)

1.     Sono ammesse all’Associazione tutte le persone fisiche che ne condividono gli scopi e accettano il presente  statuto e l’eventuale regolamento interno.

2.     L’organo competente a deliberare sulle domande è il Consiglio Direttivo.

Il diniego va motivato. Il richiedente, nella domanda di ammissione, dovrà specificare le proprie complete generalità impegnandosi a versare la quota associativa.

3.     Ci sono le seguenti categorie di soci:

       - ordinari (versano la quota di iscrizione annualmente stabilita dall’Assemblea);

       - sostenitori (oltre la quota ordinaria, erogano contribuzioni volontarie straordinarie);

- benemeriti (persone nominate tali dall’Assemblea per meriti sociali o culturali o particolari acquisiti a favore dell’Associazione).

4.  Non è ammessa la categoria dei soci temporanei. La quota associativa è intrasmissibile.

Art. 4  (Diritti e doveri dei Soci)

1.     I soci hanno diritto di eleggere gli organi sociali e di essere eletti negli stessi.

2.     Essi hanno diritto di essere informati sulle attività dell’associazione e di essere rimborsati per le spese effettivamente sostenute nello svolgimento dell’attività prestata.

3.     I soci devono versare nei termini la quota sociale e rispettare il presente statuto e l’eventuale regolamento interno.

4.     Gli aderenti svolgeranno la propria attività nell’associazione prevalentemente in modo personale, volontario e gratuito, senza fini di lucro, anche indiretto, in ragione delle disponibilità personali.

Art. 5 (Recesso ed esclusione del socio)

Il socio può recedere dall’Associazione mediante comunicazione scritta al Consiglio Direttivo.

Il socio che contravviene ai doveri stabiliti dallo statuto può essere escluso dall’Associazione.

Può presentare ricorso al Collegio dei Probiviri.

E’ comunque ammesso ricorso al giudice ordinario.

Art. 6 (Organi sociali) 

1. Gli organi dell’associazione sono:

- Assemblea dei soci;

- Consiglio direttivo:

- Presidente;

- Collegio dei Revisori dei Conti;

- Collegio dei Probiviri.

2. Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito.

 Art. 7  (Assemblea)

1.     L’Assemblea è l’organo sovrano dell’associazione ed è composta da tutti i soci.

2.     E’ convocata almeno una volta all’anno dal Presidente dell’associazione o da chi ne fa le veci mediante avviso scritto affisso all’Albo, o da inviare, almeno 10 giorni prima di quello fissato per l’adunanza e contenere l’ordine del giorno dei lavori.

3.     L’Assemblea è inoltre convocata a richiesta di almeno un decimo dei soci o quando il Consiglio Direttivo lo ritiene necessario.

4.     L’assemblea può essere ordinaria o straordinaria.

E’ straordinaria quella convocata per la modifica dello statuto e lo scioglimento dell’associazione.

E’ ordinaria in tutti gli altri casi.

Art. 8  (Compiti dell’Assemblea)

L’Assemblea deve:

- approvare il rendiconto del conto consuntivo e preventivo;

- fissare l’importo della quota sociale annuale;

- determinare le linee generali programmatiche dell’attività dell’Associazione;

- approvare l’eventuale Regolamento interno;

- eleggere il presidente e il Consiglio Direttivo;

-eleggere il presidente e il rispettivo Collegio sindacale;

- eleggere il Collegio dei Probiviri;

- deliberare su quant’altro demandatole per legge o per statuto, o sottoposto al suo esame dal Consiglio Direttivo.

Art. 9 (Validità delle Assemblee)

1.     L’Assemblea ordinaria è regolarmente costituita in prima convocazione se è presente la maggioranza degli iscritti aventi diritto di voto; in seconda convocazione, da tenersi anche nello stesso giorno, qualunque sia il numero dei presenti, in proprio o in delega.

2.     Non è ammessa più di una delega per ciascun aderente.

3.     Le deliberazioni dell’Assemblea ordinaria vengono prese a maggioranza dei presenti e rappresentati per delega, sono espresse con voto palese tranne quelle riguardanti le persone e la qualità delle persone o quando l’Assemblea lo ritenga opportuno.

4.     L’Assemblea straordinaria approva eventuali modifiche allo Statuto con la presenza di 3/4 dei soci e con decisione deliberata a maggioranza dei presenti; scioglie l’associazione e ne devolve il patrimonio con voto favorevole di 3/4 dei soci.

Art. 10  (Verbalizzazione)

Le discussioni e le deliberazioni dell’assemblea sono riassunte in un verbale redatto dal segretario (oppure da un componente dell’assemblea appositamente nominato) e sottoscritto dal presidente.

Ogni socio ha diritto di consultare il verbale e di trarne copia.

Art. 11  (Consiglio Direttivo)

Il Consiglio Direttivo è composto da nove membri eletti dall’Assemblea tra i propri componenti.

Il Consiglio Direttivo è validamente costituito quando è presente la maggioranza dei suoi componenti.

Il Consiglio Direttivo compie tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione non espressamente demandati all’Assemblea; redige e presenta all’Assemblea il rapporto annuale sull’attività dell’associazione, il rendiconto consuntivo e preventivo.

Il consiglio direttivo e il presidente durano in carica tre anni.

In caso di dimissioni o di vacanza vengono sostituiti alla prima riunione del consiglio direttivo.

Gli eletti si presentano dimissionari alla prima assemblea ordinaria ove possono essere rieletti.

Art. 12  (Presidente)

Il Presidente ha la legale rappresentanza dell’associazione, presiede il Consiglio Direttivo e l’Assemblea.

Convoca il Consiglio Direttivo e l’Assemblea dei soci, sia in caso di convocazioni ordinarie che straordinarie.

Art. 13 (Collegio dei Sindaci) 

E’ composto da tre membri effettivi, più due supplenti.

Esercita il controllo su tutti gli atti compiuti dal Consiglio Direttivo.

Esamina i Bilanci e li sottopone all’Assemblea.

Verifica la contabilità ogni sei mesi e in qualunque momento ne ravvisi la necessità.

Non possono ricoprire altre cariche all’interno del Circolo.

Art. 14. (Collegio dei Probiviri)

E’ composto da tre membri.

Decide insindacabilmente, entro trenta giorni dalla presentazione del ricorso, sulle proposte di sospensione e di espulsione di soci.

Art. 15  (Risorse economiche)

1. Le risorse economiche dell’organizzazione, utili alla formazione del bilancio,  sono costituite da:

a) beni, contributi e quote associative;

b) donazioni e lasciti;

c) ogni tipo di entrate ammesse ai sensi della L. 383/2000.

2. L’Associazione ha l’obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.

3. L’Associazione ha il divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili e avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’organizzazione, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre organizzazioni che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura.

Art. 16  (Rendiconto economico-finanziario)

1. Il rendiconto economico-finanziario dell’associazione è annuale e decorre dal primo gennaio di ogni anno. Il conto consuntivo contiene tutte le entrate e le spese sostenute relative all’anno trascorso. Il conto preventivo contiene le previsioni di spesa e di entrata per l’esercizio annuale successivo. 

2. Il rendiconto economico-finanziario è predisposto dal Consiglio Direttivo e approvato dall’Assemblea generale ordinaria con le maggioranze previste dal presente Statuto, depositato presso la sede dell’associazione almeno 20 giorni prima dell’assemblea e può essere consultato da ogni associato.

3. Il conto consuntivo deve essere approvato entro il 30 aprile dell’anno successivo alla chiusura dell’esercizio sociale.

Art. 17  (Scioglimento e devoluzione del patrimonio e durata)

1. L’eventuale scioglimento dell’Associazione sarà deciso soltanto dall’Assemblea con le modalità di cui all’art. 9 ed in tal caso, il patrimonio, dopo la liquidazione, sarà devoluto a finalità di utilità sociale.

2. La durata dell’associazione viene fissata al 31.12.2050.

Il consiglio direttivo e il presidente durano in carica tre anni. In caso di dimissioni o di vacanza vengono sostituiti alla prima riunione del consiglio direttivo. Gli eletti si presentano dimissionari alla prima assemblea ordinaria ove possono essere rieletti.

Art. 18  (Disposizioni finali)

Per tutto ciò che non è espressamente previsto dal presente Statuto si applicano le disposizioni previste dal Codice Civile e dalle leggi vigenti in materia.

Il Presidente  

-----------------------------------  

 


   

 

CHE COSA INSEGNA QUESTA STORIA AL NOSTRO PAESE

E’ mia opinione che ci sia stato troppo clamore all’inizio  e troppo silenzio in seguito.

Le scoperte di Sambruson nel 1950 a noi sono apparse gigantesche, perché, non essendoci altro, in questo paese anche un nano diventa un gigante. Per i familiari è comprensibile. Noi paesani siamo i familiari.

Nel secolo scorso, a Sambruson è successo ciò che è già successo altrove. Hanno scoperto dei reperti archeologici. Hanno realizzato il loro Museo. Ora accompagnano le scolaresche e gli appassionati in visita.

Noi facciamo altrettanto.

Le scoperte di Lino Vanuzzo a me interessano, perché permettono a molti ragazzi che hanno scavato con lui, che hanno visto il Museo al Ponte, che l’hanno recuperato, di stare in associazione, di servirlo in silenzio e senza clamore. Di ricordare e sorridere.

Non si può distinguere Trovemose, Museo e Vanuzzo. Perché molti anni fa il paese lo ha maltrattato. Anche noi.

I tre aspetti formano una unica treccia.

_________________________

Il seguito è per chi vuole sapere… perché?

Della vicenda Vanuzzo indago l’aspetto etologico, più che quello archeologico.

Quello archeologico è noto. Ha trovato cose antiche, trovate del resto anche nei paesi vicini. Uguali, identiche. Ce ne sono in tutta Italia reperti sepolti. Fingere che a Sambruson si siano scoperte chissà quali civiltà antiche è indice di cultura da aggiornare.

Lo dice Vanuzzo stesso. Ha visitato altri scavi tutto intorno: Lova, Porto Menai, Malcontenta, Altino… Tutte uguali. Le autorità competenti, la stampa, gli amministratori pubblici, da subito, hanno agito con clamore abnorme, ingiustificato, amplificando l’eco di cose che, al momento, erano ancora indecifrabili. E tuttora lo sono, checché se ne dica, dopo quasi sessanta anni. Vanuzzo fu usato. Da subito. Lui non se ne accorse. Era un ingenuo. Era una persona mite, gentile scriveva poesie meravigliose che posseggo e che giudico tali.

Ho studiato le sue carte, le ho decifrate, messe in ordine di data. Ho visto crescere attorno a lui le promesse, molte ingannevoli.

Vanuzzo, con il museo, dopo gli osanna iniziali, è stato trattato con disprezzo. Forse pensando che, con uno come lui, si poteva!

Alle sue scoperte lui credeva. Fu nominato ispettore onorario ai Monumenti di Dolo, solo in seguito.

Forse!

(Questo titolo c’è nell’indirizzo di una sola lettera, e basta. Come dare del dottore a qualcuno. Si abbonda facilmente).

All’inizio era digiuno di questa scienza.

Conobbe le lodi sperticate, lusinghe ingannevoli, atti e delibere probanti, timbri e carte intestate, poi il silenzio e la presa in giro durata per tutta la sua vita.

Vanuzzo era un gentiluomo, credeva a quello che faceva, rispettava le autorità.

Sono state le autorità del suo tempo a non rispettare un uomo. Ed essendo anch’io uomo mi sento offeso per solidarietà.

Mi ribello.

Il Trovemose si ribella!

Ecco perché intervengo

Con forza e rabbia. Anche contro me stesso. Anch’io, offuscato nella massa, gli fui ostile.

I comportamenti degli uomini sono ingannevoli. So di far arricciare il naso a qualche benpensante. Ma la vita mi ha insegnato che, purtroppo, tu, caro amico che leggi, io che scrivo, non interessiamo a nessuno

L’ interessamento di qualcuno per la tua salute, per gli studi dei tuoi familiari, è finto.

E’ dovuto.

E’ l’intercalare più opportuno per iniziare discorso, per entrare nella tua indifesa intimità. Ci caschi. Chi ti avvicina non è per te, è per sé.

Ti deve chiedere qualcosa, ha bisogno di qualcosa.

Deve usarti e non sa come fare.

Sceglie la via più accattivante. “Come stai?”

Puoi dirgli tutto quello che vuoi. Non gli interessa. Pensa già ad altro.

Lo so.

Ma fingo che non sia così.

Ignoro tutto e mi rendo disponibile. Comunque.

Ho fatto cadere da tempo la barriera della diffidenza, del sospetto e agisco nel modo più corretto. Tento. Provo. Dopo tutto lo faccio per me.

Vi ho detto questo perché sappiate attraverso quale filtro leggerete il seguito.

___________________

Chi era Lino Vanuzzo (1907-1986)?

Che piaccia o no è stato un personaggio. Ha una via a lui intitolata.

Verifico il mio pensiero anni dopo il ritrovamento del Museo scomparso.

Fu una persona qualunque.

Si era laureato, aveva insegnato matematica alla scuola media “Reginaldo Giuliani” di Dolo. Di lui, oggi, non si ricorderebbe nessuno. Non aveva figli. Le parentele con gli anni si allargano, si allentano, sfumano. E’ normale.

Lino Vanuzzo, è a tutti noto, scriveva più volentieri una poesia a un giovinetto piuttosto che a una giovinetta. Non per scelta, ma per sua natura. Di lui non ho trovato storie torbide, da cronaca sgradita, ma solo barzellette, allusioni, battutine infelici, sorrisini. Stavamo alla larga. Ci era stato raccomandato, ordinato. Orribile abbastanza per chi subiva una simile quarantena preventiva.

Attorno a lui cominciò a crearsi il vuoto, a crescere il silenzio, la solitudine. La solitudine, se non  è scelta come fa l’eremita, è il maggiore tormento per l’uomo. La solitudine è bella, è prolifica se è parziale, se è occasionale, se è un bisogno. Se ti è imposta è una prigione.

Lino Vanuzzo, in un certo senso, era un prigioniero in questo nostro buon paese di Sambruson.

Per valutare, per capire i suoi comportamenti, il suo attaccamento alle sue scoperte non si può prescindere dalla sua natura umana.

Non potremmo mai capire nel suo significato più profondo e recondito “La cavallina storna” se non conoscessimo la storia personale, familiare e sociale di Giovanni Pascoli.

“Erano altri tempi!” Che giustificazione è mai questa?

Quella fu l’unica vita che lui ebbe. E quello fu il luogo e il tempo assegnatigli dal destino.

Le scoperte archeologiche furono l’occasione unica, originale di attrarre l’attenzione del paese e del mondo della cultura su di sé. Se avesse fatto solo il geometra, sarebbe stato sempre in coda.

La scoperta lo esaltò, lo innalzò. Credette, in parte gli fu fatto credere, di avere pareggiato i conti con la società che lo accoglieva, mai sorridente, ma sempre con saccenza.

A questa nuova posizione sociale, una volta lusingatosi di avere pareggiato i gradini del dislivello, non volle mai più rinunciare. Inseguì follemente i suoi reperti, perché significavano oltre. Oltre il valore artistico, storico, scientifico che tutti attribuivano agli scavi. Significavano l’ingresso nei consueti rapporti, scoprì di essere ricercato da giornalisti e cineasti, di avere ragazzi pronti a lavorare per lui, per niente. Bastavano una sigaretta e un bicchiere di vino. Si scoprì a livello.

Con lui, in quei giorni, si parlava seriamente, si ragionava. Non ne approfittò mai. Non salì mai in  scanno.

Non manca lettera, e in 36 anni ne scrisse molte, in cui, presentandosi, non citi le sue scoperte archeologiche. Mi sono venute a noia a forza di leggerle! A scuola parlava e informava delle sue tombe, delle anfore, delle palafitte, delle antefisse Si presenta come scopritore, sicuro di distinguersi, di tirarsi su, di attrarre l’attenzione dell’uditore, che, altrimenti, a prima vista, sarebbe scivolata via.

Qualunque altro si sarebbe scoraggiato, avrebbe abbandonato. Lui non poteva. Non poteva perdere l’ancoraggio che gli permetteva di stare autorevolmente aggrappato alla società del suo tempo, a fronte alta, certo di essere ascoltato, accolto.

Non mi risulta facesse parte di associazioni, di partiti, di club, di congreghe. Queste partecipazioni avvengono per comunanza di idee, di interessi, di obiettivi, ma anche perché ti fanno sentire a tuo agio, ti fanno sentire nel tuo habitat, nel tuo “brodo” accogliente. Per la comunanza di interessi, di gusti, di aspettative, di vizi, di libertà di usare linguaggi arditi e osceni dopo le inevitabili cene di amiconi, di famiglie bene… Lui non poteva esserci.

Non poteva dileggiare, offendere. Era lui l’oggetto dell’offesa.

Ci sono persone, simboli, difetti e debolezze umane, argomenti degni di rispetto che vengono dissacrati volutamente nella grassa canea dei dopo cena, al termine di impegnativi dibattiti culturali, di convivi politici e sindacali, quando i riflessi si appannano e appari al naturale… quando chissà perché! per tirarti su… getti ancora più sotto, con linguaggio scurrile, chi, non per sua volontà, già vi è.

Sono comportamenti che, nella massa, si accettano, ti mimetizzano, ti autorizzano. Sono gli stessi atteggiamenti che ho scorto in persone per bene su una tribuna di calcio intabarrate, intruppate, eccitate nell’anonimato della folla, inveire sguaiatamente contro l’arbitro, cioè, in quel momento, la legge. Il buio e la massa servono a molte persone composte ad essere scomposte. Gratis. A lui non è mai successo. Non mi risulta. Ma non perché fosse immune da gesti maleducati possibili, ma perché, forse, non gli era mai offerta, o non ha cercato, occasione.

Questa non è una santificazione, ma una semplice, banale verità.

La sua presenza ad un incontro, non di affari, tra amici, avrebbe rovinato tutto, avrebbe impedito qualunque discorso sconcio, qualunque maleducazione che, in veste ufficiale, esercitando una professione, eviti, controlli. Ma di cui hai maledetto bisogno per sfogarti, per liberarti. Purché tu non sia solo. Colpendo, inabissando altri ti illudi di tirarti su… Ci sono tanti modi di buttarsi giù!

Lino Vanuzzo aveva un enorme bisogno, per la sua posizione nella cultura locale? macché! come persona, come uomo, come individuo… di elevarsi non in superbia, non oltre, ma… alla pari.

Vanuzzo i modi per emergere li trovava nei suoi scavi, nelle sue palafitte, perché gli permettevano di parlare, di scrivere, di farsi ascoltare alla pari. Finito? Tornava nella sua solitudine.

Credo che non si possano evitare queste osservazioni, parlando degli scavi di Sambruson.

Credo che servano per mettere le cose al giusto posto.

Che non sarà mai pari al livello d’amore che il protagonista ha loro dedicato. E al nostro paese. Come trasuda dalle sue carte.

Le cose che abbiamo in museo sono scintille. Le scintille illuminano.

Ti fanno intuire la bellezza della luce.

Per noi sono molto.

Stando vicini al piccolo museo, da noi recuperato, stiamo pagando un debito.

Auguro alla dottoressa Monica Zampieri di continuare a dirigere e a lavorare nel Museo-Antiquarium con la riconosciuta passione e competenza, di accogliere le scolaresche nei laboratori didattici che, ho riscontrato, partecipano con vivo interesse.

Ho nipotini che partecipano, molto curiosi e attivi.

La collaborazione e la vicinanza del Trovemose non le mancheranno mai.

(Monica ringrazia con sentita amicizia)


LA STORIA DEL CIRCOLO “TROVEMOSE”

EVENTI SIGNIFICATIVI DI ORGANIZZAZIONE, CULTURA, SOLIDARIETA’

17.02.1998

Presso l’edificio  minore della scuola elementare D. Manin (Croce Rossa) per auto-convocazione avviene la prima assemblea del Circolo Trovemose.
Primo Consiglio di Amministrazione: Andrea Zilio - Presidente, Mirko Cerato vice-presidente, coofondatori Carlo Masato-Segretario, Giannino Segato, Domenico Salviato.

15.06.1998

Il sindaco Claudio Bertolin e l’assessore ai Servizi Sociali dr. Giuseppe Donà autorizzano il Circolo Trovemose ad utilizzare un’aula dell’edifico minore delle scuole elementari “D. Manin” per le proprie attività ricreative, culturali e sociali, nei termini che saranno in seguito stabiliti.

Agosto-Settembre 1998.

Abbiamo partecipato per 37 giorni, in media due persone al giorno, alla realizzazione della mostra dello scultore Augusto Murer presso l’ex-Macello; abbiamo prestato la nostra opera in assistenza e vigilanza, accogliendo i numerosi visitatori e scolaresche e distribuendo materiale informativo fornito dall’Assessorato alla cultura del Comune di Dolo.

 

16.10.1998

Il Presidente Andrea Zilio riferisce: con l’aiuto dell’Assessorato alla cultura e della Biblioteca comunale, dopo lunghe ricerche, siamo riusciti a individuare il luogo in cui giacciono i reperti archeologici trovati a Sambruson, sotto la guida del concittadino dr Lino Vanuzzo, nel lontano 1950.

04.11.1998

Una delegazione composta da Zilio, Segato, assessore Zen, la dottoressa Elisabetta Danieli (in rappresentanza della famiglia Vanuzzo) presenta in visione alla dott.ssa Giovanna Ravagnan a Padova, presso la Soprintendenza Archeologica per il Veneto, la documentazione in nostro possesso, indispensabile per il censimento e il catalogo dei “nostri” reperti,  accatastati tra molti altri, tutti raccolti nei territori della gronda lagunare. Viene contattata la d.ssa Bonomi.

05.11.1998

Lucia Majer e Andrea Zilio parlano alla rete-Tv Antenna-3, presente l’assessore Emilio Zen, del Museo ritrovato in uno scantinato a Mestre e della volontà del Trovemose e del Comune di Dolo di riaverli a Sambruson.

Raccontano questa storia appresa consultando i documenti ritrovati.

Il Museo di Sambruson era stato trasferito a Mestre, perché si doveva fare un unico Museo che raccogliesse tutti i reperti trovati nella gronda lagunare. Ma non se ne fece niente. Lino Vanuzzo muore nel marzo 1986. Tutto cade nella dimenticanza. Intanto i reperti “subiscono” troppe manipolazioni e diminuzioni durante i traslochi, basta confrontare il rimasto con l’inventario di consegna.

Questi sono i trasferimenti del Museo:

-   deposito presso la scuola Ticozzi, sezione staccata della scuola media Trentin;

-   magazzini in via Gozzi 6;

-   deposito in via Vivaldi 6;

-   Magazzini comunali sotto Cavalcavia di Mestre (vedi Il Gazzettino del 07.01.88)

-  scantinato di Mestre di proprietà del comune di Venezia dove, dopo lungo inseguimento, li abbiamo scovati

12.01.1999

Visita ai ritrovati reperti, presenti con noi anche la d.ssa Ravagnan, la d.ssa Fiorella .

Decisiva è stata la documentazione storica rinvenuta da Zilio presso la fa miglia Danieli- Vanuzzo che da tempo sollecitava interesse per la vicenda, e gentilmente offerta al Circolo Trovemose, assieme ad una raccolta di poesie di Lino Vanuzzo. Il Circolo Trovemose consegnerà poi il tutto al Comune di Dolo.

Febbraio 1999

Nella vecchia Canonica, da noi ripulita ad hoc :

Allestimento della mostra - ARTI e MESTIERI DELLA CIVILTA’ CONTADINA  - grazie alla collaborazione, trasporto e restituzione dei pezzi del Museo famigliare di Luigino Fattoretto e alla disponibilità del parroco Don FRANCESCO.

Molte le visite di cittadini e scolaresche.

12.03.1999

Da molti giorni le esperte e nostri volontari sono impegnati nella pulizia accurata dei pezzi archeologici ritrovati nel deposito interrato in via V. Gagliardi 7, del quartiere Pertini.

31.08.1999

Andrea Zilio e Gianni Lazzari a Mestre iscrivono il “Trovemose” all’Ufficio del Registro depositando l’Atto costitutivo e lo Statuto del Circolo.

Febbraio 1999

Nella vecchia canonica, da noi pulita ad hoc: Allestimento della mostra ARTI e MESTIERI della CIVILTA’ CONTADINA - grazie alla collaborazione, trasporto e restituzione – dei pezzi del museo familiare di Luigino Fattoretto – Grazie alla disponibilità del parroco don FRANCESCO. Visite di cittadini e di scolaresche.

Novembre 1999

Faticoso e volontario lavoro di pulizia di tutta la barchessa della canonica, in preparazione ai successivi restauri, su semplice richiesta di don Francesco.

25.02.2000

A S.Valentino abbiamo realizzato la seconda Mostra “Arti e Mestieri”, la Mostra fotografica “Sambruson e il secolo 1900”, con grande successo di pubblico. L’evento è stato possibile dopo una grande pulizia della vecchia canonica, coordinata da Mirco Cerato.

 

 

 

05.04.2000

La d.ssa Ravagnan visita la nostra sede e la ritiene idonea a ricevere il Museo, dopo la posa delle inferriate alle finestre. Sarà fatto.

Maggio 2000

Meraviglioso impegno di uomini e donne del Trovemose con le famiglie, nella vigilanza, e nella informazione (previa preparazione), tutte le domeniche di maggio, per 4 ore, degli ORATORI DELLE VILLE VENETE, su richiesta dell’ assess. Emilio Zen. Da Strà a Oriago. Grande successo e grande soddisfazione dei soci per l’incarico avuto dal Comune di Dolo.

Ci siamo sentiti rispettati e valorizzati.

10.01.2001

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Soprintendenza Archeologica per il Veneto concede l’autorizzazione del trasferimento del Museo da Mestre a Sambruson, avvisando i Comuni di Venezia e di Dolo.

Febbraio 2001

Continua la bella tradizione della mostra sulla CIVILTA’ CONTADINA, sempre diversa, con l’aiuto della famiglia FATTORETTO.durante l’orario di apertura i soci e le signore del Circolo si sono sentiti protagonisti, e questo ci faceva bene.

 

LA CUCINA DELLA VECCHIA CANONICA PRIMA DEL RESTAURO

 

 

23.02.2001

Ci siamo recati a Mestre con due camioncini. Riceviamo in consegna dalla dottoressa Ravagnan, della Soprintendenza del Beni archeologici del Veneto i “resti” dei reperti ivi giacenti del Museo Vanuzzo, selezionati nel deposito dalle esperte Lucia Majer, Laura Simbula, Monica Zampieri.

Autista Alfredo Marcato. Vigile del comune di Dolo Gianni Polo e l’Assessore Gianni Lazzari.

Per il Trovemose sono presenti in tenuta da lavoro: Zilio Andrea, Cerato Mirco, Masato Carlo, Masato Alessio, Semenzato Paolo, Zara Franco, Monetti Franco, Giacomazzo Oscar.

Febbraio 2002

Continua la bella tradizione della mostra sulla CIVILTA’ CONTADINA, sempre diversa, con l’aiuto della famiglia FATTORETTO.durante l’orario di apertura i soci e le signore del Circolo si sono sentiti protagonisti, e questo ci faceva bene.

ALCUNI FIGURANTI

 

IL CICLO DEL VINO

 

02.02.2002

Gli studenti dell’istituto “C.Musatti”, dopo uno studio sul Museo, presentano nel salone della CRI uno spettacolo teatrale ispirato all’età romana, alla presenza del preside prof. Rizzi, delle archeologhe curatrici Majer e Simbula e di numerosi soci e genitori.

08.03.2002

Il Sindaco Bertolin comunica che il museo deve essere trasferito presso la scuola media “Gandhi” in quanto occorrono spazi alla scuola elementare che cresce.

30.04.2002

Dimissioni da presidente di Andrea Zilio, gli subentra Severino Artusi.

07.06.2002

Il Trovemose esprime il proprio cordoglio per l’improvvisa scomparsa della d.ssa

Ravagnan colpita da un male incurabile.

Agosto 2002

Su richiesta dell’Assessore Corrado Gaspari e dell’assessore Bisso, molto disponibili con il Trovemose, collaboriamo come “operai” nel pulire, trasportare necessario per il trasferimento della Scuola materna presso lato est del “Musatti” di Dolo.

Febbraio 2003

Edizione rinnovata e arricchita, molto visitata  la mostra sulla CIVILTA’ CONTADINA (Grazie al non dimenticato Luigino e signora Luisa)

29.05.2003

Si sollecita l’amministrazione comunale per avere maggiori spazi. che vengono riconosciuti necessari, assieme a una corte da bocce, ma…

Giugno 2003

Pronta disponibilità dei soci “capaci” per il trasloco e la dipintura di locali a favore di una copia di persone anziane in difficoltà, dopo lo sfratto.

05.09.2003

Il Museo viene trasferito, in locali appositamente attrezzati, nel vicino edificio della scuola media “Gandhi”. Determinante l’aiuto manuale dei volontari del Trovemose.

21.12.2003

Presentazione del cd-rom “Sambruson, un viaggio nel tempo” curato dall’assessore alla cultura Corrado Gaspari in collaborazione con il Circolo e le archeologhe.

Febbraio 2004

S. Valentino: ancora la Mostra sempre rinnovata, sulla CIVILTA’ CONTADINA – ARTI e MESTIERI (15 giorni molto intensi, ma che ci danno soddisfazione).

02.04.2004

Il presidente Artusi registra la grande soddisfazione dei soci del Trovemose presenti alla inaugurazione del laboratorio annesso al Museo, dove la d.ssa Laura Simbula ha tenuto la prima lezione a una scolaresca di Mira.

10 Ottobre 2004

Assegnazione prima TARGA TROVEMOSE a GILBERTO SEGATO

(improvvisamente scomparso qualche giorno prima)

LA TARGA

La Targa TROVEMOSE è un simbolico, cordiale, semplice riconoscimento dei soci del circolo a un compaesano o a una compaesana distintisi in attività, arti, iniziative culturali, sportive, civiche o solidali senza obblighi o incarichi specifici, oltre la professione, per pura passione o silenzioso impegno personale onorando il nostro paese.

La scelta del direttivo del Trovemose è spontanea, disinteressata, annuale,  casuale, non avviene su alcuna segnalazione esterna.

Il riconoscimento consiste in una targa, in una pergamena, nella mostra delle eventuali opere del premiato o nella illustrazione delle ragioni del riconoscimento.

La Targa viene consegnata, salvo imprevisti, in settembre.

La Targa ha come effige il volto stilizzato di S.Ambrogio, simbolo inconfondibile del nostro paese, come ritratto, durante un restauro, dal nostro festeggiato odierno.

Nell’anno 2006, terza edizione, la “Targa TROVEMOSE”, dopo un iniziale rodaggio, viene ufficialmente formalizzata, materialmente consegnata e resa permanente dal circolo.

Nell’anno 2004 è stata simbolicamente assegnata a Gilberto Segato (postuma).

Nell’anno 2005 è stata simbolicamente assegnata a Dino Organo.

Nell’anno 2006 viene assegnata a Ettore Bareato.

Questo documento resterà come atto costitutivo e regolamento per il futuro.

Sambruson, 7 ottobre 2006

Il presidente                                                                          Il segretario

(Severino Artusi)                                                                   (Andrea Zilio)

_____________________________________________

Calendario delle edizioni della

TARGA TROVEMOSE

  1. 2004 GILBERTO SEGATO  Pitture, Sculture e   lavorazione del Ferro Battuto

  2. 2005 DINO ORGANO Pittore

  3. 2006 ETTORE BAREATO Pittore e Disegnatore

  4. 2007 LETIZIA MIOTTO Volontariato e Solidarità

  5. 2008 ARISTIDE PETTENO' Scultore lavori e miniatura in legno

  6. 2009 LUIGI CURIOTO Pittore e Scultore

  7. 2010 ORLANDO MINCHIO Impegno Civico

  8. 2011 FRANCO CAZZUFFI Impegno Civico

  9. 2012 PAOLO e ADRIANA NALETTO Impegno Civico

  10. 2013 JOLANDA e LUCIANO BETTIN Impegno Civico

 °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

15.02.2004

Presentazione del volumetto “Pennellate”, raccolta di poesie di Lino Vanuzzo, curate dal Trovemose e dal dr Pietro Barillaro, stampate da tipografia Canova, a cura dell’Assessorato alla cultura del comune di Dolo.

 


19.08.2005

 

10.10.2005

Momenti culturali del Circolo: lettura di poesie di Giovanni Pascoli e Targa Trovemose, con la partecipazione del sindaco Antonio Gaspari e dell’assessore alla cultura Alberto Polo.

8 / 22 Dicembre 2006

Tutti giorni, in orario di apertura della Mostra delle opere di AUGUSTO e FRANCO MURER, presso l’ex-macello, abbiamo prestato la nostra opera di assistenza e vigilanza, accogliendo i numerosi visitatori e le scolaresche, distribuendo materiale informativo fornito dall’Assessorato alla  Cultura del Comune di Dolo.

 

18.02.2007

- Vengono eletti gli organi direttivi che resteranno in carica per un triennio, fino alla assemblea ordinaria del 2010.

- La d.ssa Monica Zampieri, con altre colleghe, accoglie le numerose scolaresche alle lezioni del laboratorio museale, con l’assistenza e la vigilanza dei soci del Trovemose coordinati da Cerato Mirco, Giannino Segato, Pelliccioli Roberto, Favero Graziella, Zara Franco, Monetti Franco, Masato Carlo e Artusi Severino.

15.02.2008

Il presidente con soddisfazione presenta il programma del Consiglio direttivo per i festeggiamenti del 10° anniversario di fondazione del Trovemose che avrà luogo il 27 aprile c.a.

Ci sarà la S.Messa celebrata dal parroco don Amelio Brusegan.

Ci sarà il saluto del sindaco Antonio Gaspari.

___________________

DECIMO ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEL CIRCOLO

DOMENICA 27 Aprile 2008

Ore 10,30        Incontro presso la sede sociale.

Ore 11,00        Santa Messa in parrocchia in ricordo e suffragio dei coetanei che ci  hanno  lasciato.

Ore 12,00        Foto ricordo di gruppo.

Ore 12,30        Pranzo sociale presso il ristorante “Il Valentino”.

Discorsi di circostanza, ricordo di eventi significativi, come la nostra riscoperta del museo archeologico Vanuzzo, saluto di autorità civili e religiose.

Proposte di attività

Ore 15,30        Raduno presso la sede sociale, per una lieta conclusione della giornata in compagnia.

25.06.2008

Nel Consiglio direttivo viene valutata la possibilità di far richiesta di spazi per la nostra sede alla Parrocchia (per gli spazi limitati che abbiamo) visto che in questi periodi si parla di ristrutturazione della barchessa. Ma poi l’idea viene abbandonata  anche per salvaguardare la nostra indipendenza.

12.10.2008

Giornata dedicata alla poesia . Lettura di poesie del nostro concittadino OLINDO MORETTI  tratte dalla sua raccolta “L’ESSERCI  L’APPARIRE . Momento molto interessante!

18.08.2009

Presentazione del libro

“TROVEMOSE AL MUSEO” di ANDREA  ZILIO

Alcuni brani saranno letti da suoi EX-SCOLARI e da ORLANDO MINCHIO.

**********************************************************

27.09.2009

Il Circolo TROVEMOSE ospita la cerimonia della conferenza per il gemellaggio fra i comuni di Dolo, Montegalda e Borso del Grappa (nella foto i rispettivi sindaci). Questo in occasione del "Comunity and sports meeting", a 40 anni dalla dedica del campo sportivo di Sambruson a Don Giovanni Guerra.

 

 

 dal 25 novembre 2009 - al 25  maggio 2010

Nei 41 giorni previsti dal calendario. Il Circolo Trovemose ha assistito le docenti archeologhe con 2/3 soci  per tutta la durata delle lezioni e alla fine sono state fatte le pulizie dei locali e servizi

12.07.2010

Incontro Culturale con

ORLANDO MINCHIO

CONVERSAZIONE di CARATTERE ETICO SOCIALE e CULTURALE ……

31 ANNI DOPO (come si può sopravvivere affetti da gravi malattie).

 

Dal 19 Dicembre 2009 al 31 Gennaio 2010

Tutti giorni, in orario di apertura della Mostra, “Ciao Sergente” dedicata a Mario Rigoni Stern presso l’ex-macello, abbiamo prestato la nostra opera di assistenza e vigilanza, accogliendo i numerosi visitatori e le scolaresche, distribuendo materiale informativo fornito dall’Assessorato alla  Cultura del Comune di Dolo.

19.09.2010

Presso il salone delle scuole Elementari il Circolo Trovemose in collaborazione con il Comune di Dolo viene presentato il romanzo didattico di Andrea Zilio (nostro socio e Presidente).

L’isola di  Tan Kiù

Vedi l'articolo relativo nella sezione di questo sito :

LE PUBBLICAZIONI PIU' RECENTI - LETTERATURA a Sambruson

--------------------------------------------------------------------------------------------

03.11.2010

Con il trasferimento  della Croce Rossa (cui siamo grati per la loro disponibilità di spazio) a Paluello e dopo varie richieste da parte nostra all’Amministrazione Comunale ci  saranno assegnati alcuni spazi che ci per metteranno di sviluppare nuove attività ed iniziative.

23.11.2010

In concomitanza con l’opera di imbiancatura del Museo-Antiquarium vengono  finalmente riordinati e imbiancati i nuovi spazi assegnati  in uso esclusivo al nostro CIRCOLO nel plesso minore della ex elementare in via Brusaura 14.

04.06.2011

Il Consiglio Direttivo del Circolo è chiamato a notificare ufficialmente che il

Presidente Severino Artusi

è venuto a mancare improvvisamente lo scorso 2 giugno.

 

Viene eletto il socio Giannino Segato.

***************************************************

 11 Settembre 2011

 

02.02.2012

L’ufficio patrimonio del comune di Dolo ci comunica che entro il  09.03.2012      dobbiamo liberare i locali della nostra sede perché dovranno iniziare i lavori di      restauro per adeguare  l’edificio destinato alla scuola  dell’infanzia.

12.11.2012

Stipula convenzione  con il Comune di Dolo per la concessione in uso di due locali dell’ex Scuola dell’Infanzia di Sambruson come sede del nostro Circolo.

EVIDENTEMENTE da marzo a dicembre 2012, SENZA UNA SEDE, LE NOSTRE ATTIVITA’ SONO STATE PRECARIE E LIMITATE.

Dal 22 febbraio  al  9 maggio 2013

Nei 21 giorni previsti dal calendario. Il Circolo Trovemose ha assistito le docenti archeologhe con 2/3 soci  per tutta la durata delle lezioni e alla fine sono state fatte le pulizie dei locali e dei servizi.

-------------------------------------------------------------------

Marzo/Giugno 2013

Attraverso le insegnanti. della scuola dell’infanzia Comunale di Sambruson ci è stata chiesta la disponibilità di collaborare in un progetto definito “ UN NONNO PER AMICO”. Tale ci ha visti impegnati in 10 incontri con i bambini nel raccontare vecchi aneddoti, fatti e storie del passato. Inoltre con i bambini sono stati costruiti vari giocattoli

 

Dei giocattoli costruiti con i bambini ne è stato consegnato uno per ogni

bambino

 4.3.2013

Da parte dell’AULSS 13 e i Servizi Sociali del Comune di Dolo ci viene proposto di collaborare per la formazione, come ormai avviene in molte parti d’Italia, di un GRUPPO DI CAMMINO.

Abbiamo aderito alla proposta e siamo riusciti a raggruppare dalle 35 alle 45 persone che il martedì e giovedì si incontrano per la passeggiata su itinerari a Sambruson al di  fuori del traffico automobilistico.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

10.11.2013

Decima TARGA TROVEMOSE

PRESENTAZIONE

STORIA   DELLA  TARGA  TROVEMOSE

DOPO L’ESPERIENZA DEGLI ANNI 2004 e 2005, LA TARGA TROVEMOSE  E’  STATA ISTITUITA UFFICIALMENTE IL 08 AGOSTO 2006

 La TARGA TROVEMOSE è un simbolico, cordiale, semplice riconoscimento dei soci del circolo a un compaesano o a una compaesana distintisi in attività, arti,  iniziative culturali, civiche o solidale senza obblighi o incarichi specifici, oltre la professione, per pura passione o silenzioso impegno personale, onorando il nostro Paese.

La scelta del Consiglio Direttivo del Circolo TROVEMOSE è spontanea, disinteressata, annuale, casuale e non avviene su alcuna segnalazione di sorta.

Salvo imprevisti, in autunno, saranno consegnate, la targa e una pergamena con le motivazioni del riconoscimento.

Essa ha come effige il volto stilizzato di San Ambrogio, statua posta sopra il campanile, simbolo inconfondibile del nostro Paese, come ritratto, durante il restauro della statua, all’inizio degli anni  1980.

  

OGGI  7 novembre 2013 consegniamo la DECIMA TARGA TROVEMOSE a:

JOLANDA e LUCIANO  BETTIN

PER L’INCESSANTE IMPEGNO GENEROSO E SOLIDALE

A FAVORE DELLE PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

   Motivazione della TARGA TROVEMOSE Anno 2013

 

Alcuni dati per conoscere la nostra coppia che abbiamo scelto di premiare.

Luciano nasce a Fiesso D’Artico nel lontano 1943 ad appena sei mesi rimane orfano del padre, caduto in guerra. Vive con la mamma i nonni e si trasferisce da noi all’età di cinque anni. Frequenta per alcuni mesi la scuola elementare poi, per il suo stato di orfano di guerra, finisce in collegio dove termina gli studi e si diploma in ragioneria nel 1962. Nel 1963 viene assunto in Cassa di Risparmio di Venezia dove lavora per 40 anni.

Durante le superiori conosce Iolanda nata a Castelli Cusiani (Novara).  in possesso del diploma di insegnante elementare, si sposano si trasferiscono a Sambruson, e qui ha insegnato presso la Scuola Daniele Manin di Sambruson per 25 anni lasciando un ricordo bellissimo fra i suoi alunni e nella nostra comunità. Dalla loro unione nascono Claudio e Massimo, qui presenti.

Ogni 25 Aprile ormai è un rito per noi Ambrosiani recarci alla sede della Cometa a Mira in via Giare per festeggiare assieme a tutta la comunità l’anniversario di fondazione dell’associazione, nata appunto il 25 aprile 1996 e assistere così, talvolta increduli, alla splendida realtà che sta crescendo.

La sede era un vecchio fabbricato un tempo utilizzato come asilo, concesso in comodato d’uso gratuito dalla Parrocchia di Gambarare fino al 2005. In quell’anno l’immobile è stato acquistato con la concessione di un mutuo di € 120.000 e con risorse proprie.

Poi la struttura si è ingrandita per permettere l’ampliamento del Centro diurno e nel contempo costruire, al primo piano, una CASA ALLOGGIO che da sogno sta per divenire una splendida realtà.

Leggo con piacere gli aiuti economici che Cometa ha ricevuto, da parte di privati, dalla Regione Veneto da una fondazione tedesca, somme donate affinché i lavori progettati vengano terminati.

Nei tempi che stiamo vivendo, con le difficoltà ad avere finanziamenti di cui siamo a conoscenza, l’averli significa capacità di relazione, condivisione del progetto, stima, correttezza, ma conoscendovi non può essere altrimenti.

Ho saputo con piacere che vi è stato concesso l’abilitazione all’esercizio dalla Regione Veneto per dodici utenti, per il Centro diurno. Ora ne ospitate sette. Sono stati assunti tre dipendenti e con la crisi del lavoro non è poco. Ci si augura che altri verranno assunti con l’aumento degli ospiti. Ci auguriamo che l’accreditamento, già passato nel piano di zona, possa essere finanziato dalla Regione, allora il sogno della CASA ALLOGGIO con sei posti letto  anche economicamente sarà una splendida realtà.

Carissimi, la vostra è stata una sfida di solidarietà per dare voce a chi non ne ha e, purtroppo, se non ti fai sentire nessuno si ricorda di te. Nel nostro territorio ci sono i Ceod a carattere pubblico che ospitano un certo numero di utenti ma gli altri?  Gli esclusi chi si occupa di loro? Che futuro sarà loro riservato quando i genitori saranno anziani o non ci saranno più? A queste domande attraverso la Cometa state dando risposte concrete.

Ecco allora la Cometa, una stella che indica la via che vi ha permesso, con sacrifici e caparbietà, litigando anche con il sottoscritto quando aveva compiti istituzionali, pur comprendendo il grido di allarme che lanciavate.  Vi siete impegnati perché famiglie meno determinate o rassegnate non trovavano risposte, ma,  grazie a voi  ora vedono uno spiraglio aperto.

Queste buone cose non vengono alla luce se non c’è amore, per la famiglia, per i figli, per il prossimo.

Viviamo in tempi in cui i modelli da seguire sono l’arrivismo, l’apparire, l’essere comunque al centro di un’attenzione con atteggiamenti e valori  talora poco edificanti.

Per fortuna ci sono modelli come il vostro, di questi ce ne sono tanti  poco portati agli onori della cronaca ma di grande impatto verso la società che ne beneficerà nei tempi a venire.

Per farvi conoscere meglio i nostri cari Iolanda e Luciano vi leggo quello che alcune amiche/colleghe hanno scritto per loro.

Abbiamo condiviso con Iolanda una lunga e forte esperienza come quella dell’insegnamento. Abbiamo avuto il privilegio di conoscerla e di apprezzarne la passione,la lungimiranza, l’ostinazione e la capacità di trasmettere la forza e l’entusiasmo delle idee.

Queste sue doti riusciva a trasmetterle non solo ai tantissimi alunni con i quali ha lavorato, ma anche alle loro famiglie e alle persone che con lei condividevano l’attività scolastica giorno per giorno.

La sua forte personalità l’ha sempre aiutata a capire i problemi che le venivano confidati e a immedesimarsi nelle diverse e a volte difficili situazioni che via via le si presentavano.

Sempre riusciva a porgere un sorriso e un valido aiuto. Segno evidente dell’impegno profuso nei lunghi anni di insegnamento e della grande disponibilità e attaccamento verso i suoi alunni e l’affetto che molti di essi continuano dimostrare nei confronti suoi e della sua famiglia.

Anche noi colleghe nei  lunghi e sereni anni di insegnamento vissuti con Iolanda abbiamo avviato e consolidato importanti legami di profonda e sincera amicizia che permangono ancora in noi.

E come dimenticare Luciano, che non solo la sosteneva sempre dal punto di vista affettivo ma anche, con la sua costante presenza l’aiutava a realizzare le innumerevoli iniziative che Iolanda programmava per la classe.

Grazie al forte legame affettivo che gli unisce, alla loro tenacia e allo spirito di solidarietà verso gli altri, e soprattutto verso i più deboli, Iolanda e Luciano sono riusciti a realizzare il loro più grande desiderio: dare vita a “LA COMETA”.

Anche in questo nuovo contesto, particolarmente impegnativo, Iolanda e Luciano continuano a dare il loro prezioso contributo sia a ragazzi con diverse abilità sia alle loro famiglie.

Sarebbero innumerevoli ancora gli aspetti positivi da evidenziare per questa “ grande coppia”, semplicemente chiudiamo con un forte abbraccio  e un sentitissimo GRAZIE per quello che fate e, sappiate che i soci del Circolo Trovemose sono orgogliosi  di consegnarvi la decima Targa Trovemose.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Sambruson 16 ottobre 2014

11^ targa

TROVEMOSE

 

A NOME DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

 

E DI TUTTI I SOCI

 

DEL CIRCOLO TROVEMOSE,

 

SI PORGE IL BENVENUTO ALLE

 

AUTORITÀ , AMICI, CITTADINI

 

DI SAMBRUSON E NON,

 

CHE HANNO ACCOLTO L’INVITO A

STRINGERSI ATTORNO A

“BEPI”,

 

IN QUESTA PARTICOLARE OCCASIONE.

 

La storia di BEPI

Giuseppe ”Bepi” Organo
Il Circolo Trovemose ha deciso con piacere di dedicarti la undicesima Targa Trovemose con le seguenti motivazioni: ”Per la lunga, appassionata e incessante dedizione volontaria a servizio dei ragazzi dell’Ambrosiana calcio con la sua burbera umiltà e bontà”.
Riteniamo che queste parole siano appropriate conoscendo la persona che stiamo premiando. A completamento di quanto detto è doveroso fare alcuni accenni sulla figura del nostro Bepi.
Egli nasce il 15 febbraio 1951. Secondo figlio di quattro fratelli, due maschi e due femmine, va d’accordo con tutti ma ha una particolare predilezione per la sorella Maria, più paziente nel capire la sua burbera bontà.
Tutti lo vediamo camminare aiutato dal bastone, ma non è stato sempre così. Il fatto risale nel lontano 27 giugno 1965, quando frequentava la seconda media e durante le vacanze, in campo della sua amata Ambrosiana viene colpito da un ictus. Da quel momento inizia il dramma di questo nostro giovane che prima vedevamo scorazzare sui campi di gioco per poi fermarsi per sempre come giocatore ma, come vedremo in seguito, ci saranno altri impegni destinati per lui.
In quel triste pomeriggio viene trasportato urgentemente all’ospedale di Dolo dove viene operato, ma rimane in pericolo di vita. Viste le condizioni disperate si decide di inviarlo all’Ospedale di Padova dove viene rioperato. I medici fanno il possibile ma dopo quaranta giorni di coma la diagnosi è terribile per un giovane quattordicenne: non più recuperabile, al massimo una vita vegetativa in sedia a rotelle.
Quando si risveglia viene ricoverato quindici giorni a Milano e per un lungo periodo di riabilitazione a Monselice. Al dramma di quella famiglia si aggiunge un’altra disgrazia: il sei novembre dello stesso anno muore prematuramente a cinquantuno anni il padre Giovanni.
E’ giusto spendere qualche parola per questa figura paterna. Commerciante da sempre nei negozi del paese era persona gioviale, allegra, cordiale con tutti sempre pronta allo scherzo e quando poteva aiutava le persone in difficoltà durante e dopo la guerra. 
Nel 1968 appena ristabilito con difficoltà nei movimenti ma forte di una volontà ferrea di non cedere, di non piangersi addosso e con la convinzione di essere ancora utile per la società, iniziò con il calcio il suo impegno di factotum, punto di riferimento e perno importante di tutta l’attività sportiva dell’Ambrosiana.
Nel 1974 al 1989 si trasferisce con la famiglia a Vigonovo, ma la passione del calcio continua: dopo aver percorso un buon tratto di strada a piedi con qualsiasi tempo, egli prendeva il pullman e, immancabile, il martedì, il giovedì e la domenica era sempre presente in campo.
Nell’anno 1989 ritorna a Sambruson accudito dalla mamma, libero di continuare con il suo impegno nel calcio con maggior facilità.
La sua vita è scandita giornalmente così: al mattino dalle nove alle dieci al campo sportivo; pausa e pranzo; il pomeriggio dalle sedici alle diciannove sempre in campo e nel dopocena dalle venti alle ventitre. Questo per tutti i giorni dell’anno.
Il 7 aprile 2009, viene a mancare la mamma ed essendo l’abitazione troppo grande per una sola persona si trasferisce in appartamento più adatto ai suoi bisogni guarda caso più vicino al campo.
In tutti questi anni hai visto giovani farsi uomini e poi i figli di questi tirare i primi calci, una nuova generazione da accudire.
Vivi l’Ambrosiana come un ambiente familiare di cui sei parte e apprezzato, la tua è una funzione sociale, svolgi il compito di magazziniere, di coordinamento e gestione delle maglie secondo i colori sociali degli avversari, la preparazione del tè e ne devi preparare per circa 170 componenti delle varie squadre.
Fra le qualità sopradette anche tu hai qualche piccolo difettuccio, Rigido negli orari, a mezzogiorno in punto deve essere pronto, non accetti gli inviti delle sorelle e fratello che ti fanno spesso, non ami i politici di nessun colore, ami tutta la tua famiglia ma hai un occhio particolare per tua sorella Maria a cui ti appoggi per i tuoi bisogni e lei sa come prenderti e tu brontolando come il solito accetti i consigli.
 
Caro Bepi il tuo impegno è prezioso per il calcio ma per tutta la comunità di Sambruson. Sei esempio della forza di carattere e la volontà di essere d’aiuto agli altri con l’umiltà del volontario che dà senza chiedere nulla in cambio, la tua paga è una stretta di mano e il grazie accompagnato dai sorrisi dei ragazzi che giocano in Ambrosiana. Hai trovato la tua dimensione, ma anche la comunità sportiva ha trovato in te un prezioso valido collaboratore in questi tempi in cui prevale l’avere piuttosto dell’essere. Il circolo Trovemose ti ringrazia per quello che fai e ti invita a continuare in questo percorso molto apprezzato da tutti.
Ancora grazie.
 
 
 
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

 

IL CORO

“CANTEMOSE”

 Il coro CANTEMOSE del Circolo “TROVEMOSE”, nasce nel novembre  2013. L’iniziativa ha avuto lo scopo di creare momenti di svago, aggregazione e di crescita culturale, affrontando così nuove esperienze anche per i meno preparati  musicalmente.

Ciò è stato possibile, grazie allo stimolo delle preziose nostre animatrici Lorena Santin e Nicoletta Masiero, proposte dai Servizi Sociali del Comune di Dolo,  ma soprattutto  alla disponibilità dei soci, esperti musicali, Carlo Masato e Giuseppe Bettio che si sono assunti gli incarichi: Carlo come direttore e Giuseppe alla tastiera. A questi amici va’ riconosciuta non solo la loro bravura musicale ma soprattutto la grande e squisita pazienza nel sopportare le nostre carenze iniziali come: i fuori-tempo, i trascinamenti, le stonature, le difficoltà nel cantare insieme. Progressivamente, stiamo migliorando.

Abbiamo iniziato con un numero modesto di soci, poi via via il numero è aumentato accogliendo anche persone con una bella voce e una buona esperienza  musicale.

Più tardi abbiamo avuto  il prezioso apporto di grande  esperienza, capacità  e  pazienza dell’amico        Alberto Bertipaglia, che  ci aiuta ad interpretare e dare espressività ai canti proponendone anche di nuovi e a più voci.

Attualmente  il coro è formato da circa 30 persone. Non abbiamo  grandi ambizioni ma, spronati dai maestri, cerchiamo di migliorare le nostre capacità, per noi stessi, ma anche per chi ha la bontà di ascoltarci.

Il repertorio che stiamo sviluppando, attualmente, comprende canti popolari tradizionali, religiosi e di montagna.

Pur nei nostri limiti abbiamo accettato nel 2014 l’invito, in più occasioni, di animare con la nostra presenza, momenti di svago nelle Residenze Anziani di Dolo, alla Scuola Media di Sambruson e nel 2015 alla Residenza Anziani di Scorzè residenza Suore  di  Casa Betania  di  Dolo,  ed  e... state…. con noi Sambruson

IL CORO

Direttore Carlo Masato

Tastiera Giuseppe Bettio

Direzione e Armonizzazione  Alberto Bertipaglia

 

Voci Femminili            Voci Maschili

Baldan Luisa                                Bettini Francesco
Barbiero Graziella                        Boldrin Pietro
Berto Giulia                                 Formenton Gianni
Brean Antonietta                         Fossen Pietro
Chizio       Imelda                        Lazzari Gianni
Corrò Virginia                            Monetti Franco
Danieli Mara                               Naletto Paolo
Favero Graziella                         Pelliccioli Roberto
Furian Agnese                            Polo Francesco
Marchiori Elda                           Pompolani Guerrino
Masiero Nicoletta                       Romanato Fernando
Moresco Doriana                       Scattin Bruno
Pasqualetto Teresa                     Segato Giannino
Pinton Francesca                       Zamengo Reginaldo
Segato Marisa                           Zara Franco
Semenzato Luisa
Stocco Valeria

Animatrici

Lorena Santin e Nicoletta Masiero

IL NOSTRO CANZONIERE

Canzoni popolari

Le campane di Sambruson

L’Inno di San Marco

Marietta Monta in Gondola - O Mia Rosina

Porta Romana - Lo Spazzacamino

Il Fazzolettino - La Strada nel Bosco

Piemontesina  - Vola Colomba

La Montanara - Quel Mazzolin di Fiori

Signore della Cime - Qui Comando Io

Sul Ponte di Bassano – Romagna Mia

Mamma – Angiolina - La Gondoliera

La Domenica Andando alla Messa

La Mula de Parenzo - Me Compare Giacometo

Mamma Dammi Cento Lire - La Barbiera

Madonna dell’Angelo di Caorle

Ma Come Balli Bene - Amor Mio Non Piangere

Di Qua, di La Del Piave - Amici Miei

Firenze Sogna - Il Cacciatore nel Bosco

Dove Te Vetto Mariettina - La Villanella

La Pastora - Do Gobbetti

Reginella Campagnola

 

 

Canzoni di Natale

Astro del Ciel

Venite Fedeli

Viene il Bambino Gesù

Dolci Campane

 

Canzoni per solisti

Tu che Mi Hai Preso il Cuor

Non Ti Scodar di Me

Si Può Dare di più

 

LE NOSTRE PARTECIPAZIONI

2014

25 marzo Residenza Anziani (via Zinelli Dolo)

22 maggio Residenza Anziani (Ospedale Dolo)

4 giugno Scuola Materna Piccole Tracce Sambruson

12 giugno Residenza Anziani Dolo con Scuola

Materna Piccole Tracce Sambruson

11 settembre Residenza Anziani (Ospedale Dolo)

11 novembre Residenza Anziani (via Zinelli Dolo)

4 dicembre Residenza Anziani (Ospedale Dolo)

16 dicembre Residenza Anziani Anni Sereni (Scorzè)

23 dicembre Scuola Media (Sambruson)

 

2015

15 gennaio Casa Betania delle Suore (Dolo)

23 aprile Residenza Anziani Anni Sereni (Scorzè)

7 maggio Residenza Anziani (Ospedale Dolo)

11 giugno e . . . state con NOI (Sambruson)

GLI ANZIANI AL CONCERTO DEL NOSTRO CORO PRESSO LA RESIDENZA ANZIANI 12-06-2014

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

23.5.2013

I soci del Circolo Trovemose in gita turistica

**********************

A SCUOLA CON I NONNI

Per l’anno scolastico 2013/2014 e 2014/2015 in collaborazione TROVEMOSE - Scuola dell’Infanzia Comunale è ripartito il progetto UN NONNO PER AMICO.

Anche negli anni scolastici 2013-2014 e 2014-2015 è continuato il PROGETTO UN NONNO PER AMICO,  fra i bambini della scuola dell’infanzia statale “Piccole Tracce” e i “nonni” del “Circolo “Trovemose” di Sambruson.

La scuola dell’infanzia “Piccole Tracce” e del Circolo “Trovemose” hanno ottimo rapporto di vicinato, è stato quasi naturale che le due istituzioni venissero in contatto.
Le “nonne”: Giulia Berto, Graziella Favero, Luisa Semenzato e i “nonni”: Gianni Lazzari, Guerino Pettenò e Giannino Segato hanno donato ai “nipotini” della scuola “Piccole Tracce” il loro tempo, le loro capacità ed esperienza, la loro voglia di comunicare e hanno ricevuto in cambio tanti sorrisi, attenzione e soprattutto tanti “ciao nonna, ciao nonno” che allargano il cuore.

La Dirigente Scolastica del Circolo Didattico di Dolo e le Docenti della scuola dell’infanzia “Piccole Tracce” hanno voluto sottolineare che: “I nonni sono fondamentali nella crescita di un bambino perché hanno un importante ruolo formativo.
Allo scopo di valorizzare tale importante ruolo, la nostra scuola dell’infanzia Piccole Tracce di Sambruson ha realizzato il progetto ‘A scuola con i nonni, che ha previsto come finalità l’avvicinamento al bagaglio di esperienza da loro vissuta come fonte di riflessione e di arricchimento per il bambino.

Il progetto ha previsto una serie di incontri con i nonni del Circolo Trovemose di Sambruson che insieme con i bambini hanno realizzato attività pratiche  basate sulle conoscenza  ed esperienze del passato.
Sia le insegnanti coinvolte nel progetto che i nonni partecipanti hanno espresso un giudizio molto positivo sull’esperienza che è stata arricchente sia per gli adulti che per i bambini e che si auspica venga riproposta anche nei prossimi anni scolastici.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Aggiornamento ATTIVITA’ CIRCOLO

-Collaborazione con  il Comune di Dolo, Parrocchia di Sambruson ed Associazioni.

-Il circolo da la propria disponibilità per attività collegate al mondo degli anziani, ma non solo.

-Collaborazione con il Parroco don Francesco. Pulizia generale dei locali della  Barchessa e Vecchia Canonica, in disuso, (prima del restauro) e allestimento, per più anni, di mostre intitolate “Arti e Mestieri” della civiltà contadina con attrezzi e fotografie d’epoca organizzando visite scolastiche guidate.

-Antiquarium di Sambruson. Dal 1998 (anno della costituzione del Circolo) ci siamo adoperati per il recupero dei Reperti Archeologici che ora costituiscono l“ANTIQUARIUM”. In  collaborazione con il Comune offriamo il servizio di sorveglianza e assistenza alle visite scolastiche programmate e aperture straordinarie.

-Servizio di sorveglianza e assistenza alle mostre promosse dall’Amministrazione Comunale (Murer, Seriola, gli Oratori, etc.).

-Incontri con le istituzioni. Per aggiornamento su argomenti a tema di comune utilità (truffe, informazione medica, corsi vari ecc.) e con specialisti, tecnici e promotori culturali

-Gruppi di cammino. Progetto di promozione della salute attraverso il cammino in collaborazione con l’Ulss 13

-Incontri ludici. Le sere di martedì e venerdì e il pomeriggio di mercoledì e domenica gioco delle carte, tombola e scambi di idee su argomenti vari.

-Collaborazione con gli Istituti Scolastici. Progetto UN NONNO PER AMICO con la scuola materna “Piccole Tracce” e l’annuale Festa della Primavera.

-Targa Trovemose. Consegna annuale del premio a un/a compaesano/a particolarmente impegnato in attività di volontariato sociale, culturale o sportivo, estranea alla propria professione.

-Iniziative conviviali. Carnevale, gita primaverile, marronata, pranzo autunnale e serata di fine anno.

-Il Coro Cantemose. Lunedì mercoledì pomeriggio  incontri per prove, e programmazione

_____________________________________________________________________

L'articolo "ASSOCIAZIONE TROVEMOSE" è in working progress.

articolo a cura di Luigi Zampieri

_____________________________________________________________________________

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 23 Marzo 2016 13:35)

 

Le sezioni del sito

return

Home IL PERIODO STORICO RECENTE REALTA' ATTUALI O RECENTI Associazione Trovemose
GLI ARTICOLI PIU' RECENTI
visitatori Online
 60 visitatori online
notizie flash
Informazioni e aggiornamenti
NUMERO COMPLESSIVO DI VISITE NEL SITO

178104

a Ottobre 2017

**********************

ARTICOLI RECENTEMENTE MODIFICATI O INCREMENTATI

***************

ULTIMI 8 ARTICOLI PUBBLICATI

*******************

ALCUNI ARGOMENTI  E ARTICOLI CHE SARANNO PROSSIMAMENTE PROPOSTI

  • La Festa della Primavera
  • La cucina, una volta, adesso, a Sambruson
  • Associazione Culturale Sambruson la nostra Storia
  • Arti e mestieri a Sambruson
  • Ninna-nanne a Sambruson

Per la sezione : DAL MEDIO EVO ALL'800

  • Sambruson tra Padova e Venezia
  • La questione dei fiumi, il porto, il ponte

Per la sezione : IL PERIODO STORICO RECENTE

  • Sambruson dal mondo contadino a quello industriale

********************